martedì 3 luglio 2018

Blog Tour + Giveaway – The studying hours di Sara Ney –  Intervista all'autrice

Ciao a tutti! È stato un onore per me avere la possibilità di intervistare questa autrice! Non la conoscevo prima, ma recupererò assolutamente!! Come vedrete anche voi, è una persona fantastica! Non vedo l'ora di leggere questo romanzo per conoscere anche la sua penna!
ROZZO. ARROGANTE. STRONZO.
Non c’è dubbio a riguardo, Sebastian Oz Osborne è il miglior atleta dell’università ma anche il più grande stronzo. Un clichè ambulante, sempre pronto a dire sconcezze, un corpo fantastico, uno a cui non frega un cazzo di ciò che pensa la gente.
INTELLIGENTE. ELEGANTE. CONSERVATRICE.
Non si cada in errore, Jameson Clarke può anche essere la studentessa più diligente della scuola, ma di certo non è una puritana. Trascorrendo la maggior parte del suo tempo tra le sacre mura della biblioteca, James diffida di guardoni, atleti e stronzi e Oz Osbourne ha tutte queste qualità. Lei è brillante, sarcastica e il contrario di ciò che lui immaginasse.
Ogni stronzo ha le sue debolezze.
Lui vuole essergli amico.
Lui Vuole passare del tempo con lei.
Lui Vuole farla impazzire.
Lui Vuole lei.

INTERVISTA

Ciao Sara, è un grande piacere averti come ospite nel mio blog. 

1. Per chi ancora non ti conoscesse. Chi è Sara? 
Sono una romanticona…direi quasi senza speranza. Amo la gente, e tendo a vedere una possibilità di interazione con tutti. Sono una persona tranquilla e osservatrice, ma anche molto socievole. In mezzo al gruppo, sono quella che resta nell’angolo a osservare e a romanzare  sulla conversazione. Adoro ridere e per me, sedere con gli amici a chiacchierare è l’unico modo meraviglioso per trascorrere una serata o un pomeriggio. Cosi, godendo semplicemente di una buona compagnia. Amo il buon cibo. E ogni persona che fa parte della mia vita è come un membro della famiglia per me

2. Quando hai capito che la tua strada era fatta di carta e inchiostro?
Ho sempre amato l’inglese e la lettura e ho sempre saputo di voler scrivere un libro; semplicemente, non pensavo l’avrei mai fatto davvero. Anni fa, quando la figlia di mio marito era adolescente (YA), sul mercato letterario non c’era nulla che ritenessi adatto a lei. Ho pensato, “potrei scrivere qualcosa per lei.” Così ho scritto Kissing in Cars. Mi ci è voluto un anno intero, ma l’ho fatto. E così, ho spuntato “Pubblicare un libro” nella mia lista dei sogni da realizzare. Una cosa tira l’altra ed eccoci qua, 16 libri dopo…

3. Cos'ha ispirato il tuo ultimo romanzo "The studying hours"?
La mia ispirazione per TUTTI i miei libri è sempre la stessa: il romance puro. Scrivere una storia d’amore e non riempire il libro con espedienti narrativi. A volte chiudo gli occhi e immagino il sentimento provato dal mio personaggio in quel momento: spensieratezza , eccitazione o magari nervosismo. E parto da lì . Tutti i miei personaggi dicono e fanno esattamente ciò che dovrebbero – non perché lo voglio io, ma perché è quello che accade in modo NATURALE. Ecco perché non scrivo molto di drammi – penso che l’assenza di problemi insormontabili e vicende tragiche renda più facile per il lettore imm dedicarsi nella storia. Cerco di rendere le storie più vicine possibile alla realtà; credo siano più romantiche quando possiamo immedesimarci in esse

4. Quando scrivi ami la tranquillità o sei accompagnata dalla musica?
Di solito scrivo in una caffetteria, dove c’è un continuo movimento e viavai e tantissimi rumori. Indosso delle auricolari che cancellano il rumore, ma – ad esempio adesso, riesco a sentire il clangore delle caffettiere sul bancone – e il motore della macchina del caffè che continua ad andare. C’è della musica e quando è troppo alta, chiedo al personale del bar di abbassarla. Lo adoro. Lavoro molto meglio con i rumori che completano il silenzio. Ascolto la musica e ho una playlist specifica per ciascun libro che scrivo

5. C'é una parte del romanzo che hai fatto fatica a scrivere? Quale?
Si—senza fare spoiler, c’è una scena che mi ha creato un bel po’ di problemi. Non sapevo se dovevo tenerla, cancellarla o cambiarla completamente. Così ho chiamato il mio fratellino e ne abbiamo parlato insieme. Lui mi ha aiutata a trovare una soluzione, ed è la parte che i lettori incontrano al 57%…

6. Cosa ami di più della scrittura?
L’unicità di questo “lavoro.” Il fatto che posso scrivere ovunque nel mondo – e i posti in cui questo lavoro mi porta. Roma, Parigi, Londra. Chicago e New York. Ho viaggiato in tutto il mondo, facendo ciò che amo – scrivere. Posso stare seduta fuori in giardino a casa mia, o in un qualche parco a migliaia di chilometri da casa, con il mio portatile e lavorare. Un’altra cosa che adoro è l’espressione della gente quando dico loro che sono una scrittrice – mi fanno sempre tantissime domande

7. Qualche progetto per il futuro? 
In questo momento sto lavorando a  JOCK RULE, il secondo libro della serie Jock Hard. Saranno tre libri in tutto e il terzo ovviamente non l’ho ancora scritto, ma sto già pensando a progetti futuri. Non credo esista uno scrittore / autore che non abbia ogni giorno un milione di idee in testa per nuove storie. Il brainstorming non ha MAI fine

Grazie mille per il tuo tempo! Buona fortuna per tutto. Un abbraccio.

REGOLE per il giveaway:
- mettere like alla pagina facebook della Hope Edizioni 
- mettere like alla pagina facebook di Sara Ney
- commentare tutte le tappe del Blog Tour (non basta scrivere partecipo, metteteci un po’ di inventiva) scrivendo anche il vostro indirizzo mail

Il vincitore del CARTACEO con AUTOGRAFO verrà estratto nei giorni successivi dopo aver controllato che tutte queste semplici regole siano state rispettate. Buona fortuna a tutte.

15 commenti:

  1. Adoro le interviste!! Ti fanno conoscere meglio chi ha il dono di scrivere storie meravigliose!!
    E che invidia x lei che fa il lavoro che ama e che la porta in tanti posti meravigliosi in giro x il mondo!! ��
    La mia mail: alicedeirossi@yahoo.it
    Grazie ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e in bocca al lupo! Adoro anche io le interviste!

      Elimina
  2. Intervista davvero interessante che mi ha fatto conoscere qualcosa in più su Sara Ney! Grazie ^-^ Non vedo l'ora di poter leggere questo libro perchè mi sta piacendo sempre di più.
    La mia mail è maria.grazia.murgia@tiscali.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosissima anche io di iniziarlo!

      Elimina
  3. Ciao Miriam! Che piacere ritrovarti :-) Mi ha incuriosito molto questa intervista ed in particolare il fatto che l'autrice, Sara, scriva in un caffetteria, con gli auricolari (mi ricorda qualcuno...me!) e che ci sia questa scena al 57% del libro..di cosa si tratta? Di un momento romantico triste o piccante? Spero di poterlo scoprire. Un abbraccio Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa ho dimenticato l'indirizzo email: lisac.reader@gmail.com

      Elimina
    2. La parte del 57% incuriosisce troppo anche me! È sempre fantastico ritrovarti nel mio blog <3

      Elimina
  4. Complimenti per questa intervista *_* davvero ora mi sta ancora più simpatica l'autrice :) É bello sapere che scrive con la musica, sono curiosissima del punto al 57% del libro.
    Partecipo al giveaway :)
    Seguo le pag dell'autrice e della casa editrice con il profilo Fabiola Bruna.
    Ecco la mia mail caivanomariapina1997@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condividiamo la stessa curiosità. Faremo il club del 57% ahahah Ho adorato questa intervista e l'amore che ha messo l'autrice nel rispondere e farsi conoscere!

      Elimina
  5. Grazie mille per questa tappa e questa intervista. Io adoro i romanzi adolescenziali, soprattutto se ambientati negli Usa. Non vedo l'ora di leggerlo, grazie
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver partecipato! Anche io adoro i romanzi adolescenziali, mi fanno provare un sacco di emozioni.

      Elimina
  6. Quella scena al 57% mi si è insinuata nella testa e non se ne vuole più andare..curiosa iooooooo:-)
    A parte gli scherzi bella questa intervista!!
    bebatag@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Taci va, da quando ho letto la sua risposta non faccio altro che pensarci! Aprirei il romanzo proprio in quel punto!

      Elimina
  7. Che carina intervista mi è piaciuta un sacco adoro questo libro
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina