martedì 11 ottobre 2016

Recensione "Tutto quello che vorrei"

Eccomi con una nuova recensione. Un romanzo che si divora letteralmente, grazie alla freschezza dello stile e agli eventi che si susseguono in maniera perfetta. Senza punti morti o pause particolari.
Abbiamo due protagonisti: Lauren e Matt, anche se le vicende si concentrano maggiormente sulla ragazza.
Lauren, ha subito un incidente: è stata investita mentre attraversava le strisce pedonali. Dopo essersi rimessa del tutto la sua vita e il suo modo di pensare sono mutati: vuole impegnare al 100% il suo tempo. Niente attività particolari come feste, far baldoria, o altro. Tutto quello che vuole fare se lo appunta meticolosamente nella sua agenda. Ogni minuto è programmato, non c'è niente al caso.
Vivendo da sola ha "contagiato" la sua casa con la mania di controllo che la invade: post it dappertutto, tutto maniacalmente pulito e ordinato.

Pregio? Difetto? Per lei è un porto sicuro. Sente dentro di sé di dover dare il massimo e sfruttare quella vita che per grazia di Dio non le è stata strappata.
Matt, giovane cantante soffre per la morte del migliore amico (nonché chitarrista della band in cui canta) ma affronta il dolore impegnandosi nella promessa che gli ha fatto prima di perderlo: godersi la vita, fare cazzate, fare sesso, non rimpiangere nemmeno un secondo.
Quando il destino fa sì che loro due si scontrino. Eh... caro destino, a volte le pensi davvero bene!
Matt ha la fortuna di trovare l'agenda di Lauren, di conoscere quella parte di sé privata e nascosta. Dopo il loro secondo incontro casuale dentro di lui nasce qualcosa: vuole far vedere a quella stupenda ragazza quanto bella può essere la vita.
E qui partono una serie di incontri che porteranno i due protagonisti a creare un legame sempre più solido. Ma non credete che sono solo rose e fiori... 
Un romanzo che mi è piaciuto moltissimo!
Un consiglio spassionato: leggete i ringraziamenti dell'autrice, avrete una sorpresa inaspettata!

Nessun commento:

Posta un commento