mercoledì 18 febbraio 2015

Recensione "Attraverso il fuoco"

Mamma mia che romanzo! Quando ho letto la parola fine, ieri sera, volevo correre dalla Angelini per pregarla di sbrigarsi a scrivere il seguito! Lo attenderò con ansia, veramente molta... troppa ansia.
Dopo aver amato follemente la trilogia precedente ero impaziente di cominciare questa nova avventura, sicura che non mi avrebbe deluso. Infatti è stato così, la Angelini si riconferma un'autrice incredibile e capace di creare scenari da brivido e non solo quelli...
Attraverso il fuoco parla di magia.
Lily, la nostra protagonista, vive una vita pessima. Soffre di moltissime patologie che la rendono debolissima. Unico amico, Tristan. Lui farebbe di tutto per lei, anche se le cose si complicano quando lui la bacia.
Per Lily è la realizzazione di un sogno, ma quando alla festa lo scopre in bagno con un'altra ragazza il mondo le crolla addosso.
È qui che sente la voce di una ragazza che le dice che quel modo non è per lei e la invita a seguirla.
Al primo richiamo rifiuta, ma il giorno dopo, quando Tristan se ne va arrabbiato dopo un litigio, Lily segue senza paura quella voce.
Al suo risveglio tutto è diverso, eppure si trova a Salem, la sua città. Ben presto però si rende conto di essere in un altro mondo, cosa più inquietante, la presenza di una ragazza identica a lei e di una identica a sua sorella. Come se non bastasse portano gli stessi identici nomi.
Dei cloni.
Lillian, racconta a Lily di averla portata nel suo mondo perché ha bisogno di lei e perché dov'è ora la sua "malattia" non le creerà più problemi.
Sconvolta, Lily scappa e, dopo poco, s'imbatte in Rowan: un ragazzo che la scambia per Lillian e inizia a inseguirla perché la vuole uccidere. E qui ne capiteranno di tutti i colori! Una montagna russa di emozioni!
Purtroppo Lily si accorgerà dell'odio che prova la gente per Lillian, una strega spietata che elimina tutti coloro che praticano o insegnano la scienza. Nel suo mondo infatti sono le streghe a dominare, sono loro, grazie ai poteri, a portare elettricità e qualsiasi altra cosa di cui hanno bisogno. La scienza, secondo Lillian, porta solamente distruzione.
Ma anche Lily può diventare una strega e aiutare i Senzaterra a vivere dignitosamente.
Ma l'unica preoccupazione di Lily è trovare lo sciamano che la può aiutare a tornare a casa sua, la sua vera casa.
E qui inizia il viaggio di Lily, fra pietre della volontà, sentimenti contrastanti, dovuti anche alla comparsa del "doppione" di Tristan, che le riapre una ferita dolorosa.
Rimarrete incatenati a questo romanzo, assetati di sapere qual è il piano di Lillian e perché fra gli infiniti mondi ha scelto proprio Lily.
Il romanzo di conclude con un grande colpo di scena, e i dubbi non sono tutti dissipati, anzi se possibile ce ne sono molti di più!
Bello da morire, lo stile della Angelini vi conquisterà!
Inizialmente ero persa per Tristan (almeno fino a quando non l'ho beccato con la tipa nel bagno). anche dopo, nel nuovo mondo ho pensato che quel Tristan fosse meglio del suo collega terreno. Ma poi ho conosciuto Rowan... e Tristan è puff sparito nel nulla! Rowan è fantastico, man mano che lo si conosce nel romanzo lo si apprezza sempre di più! I miei occhi erano perennemente a cuoricino, nonostante il carattere insopportabile che aveva all'inizio (ma comprensibile).

Nessun commento:

Posta un commento