mercoledì 25 febbraio 2015

"Il libro del male" di James Oswald

Dopo lo strepitoso successo del primo capitolo della saga "Il nome del male", dal 25 febbraio
finalmente anche voi potrete lasciarvi rapire da questo thriller mozzafiato che ha già venduto la bellezza di 80000 copie in Inghilterra! 
Un autore che inizialmente si era autopubblicato, convinto che avrebbe venduto qualche copia, ma che invece ha avuto un successo incredibile! Da qui possiamo notare l'importanza che hanno i lettori per gli autori, senza di loro molti romanzi rimarrebbero nascosti e non diventerebbero dei best seller di fama! 
Il "caso" McLean potrebbe essere paragonato a quello del signor Grey, che con le sue sfumature ha issato nella sua rete milioni di donne (e non solo). I numeri del nostro ispettore fanno veramente venire i brividi! Solo per farvi un esempio, si parla di 50mila lettori in un solo mese! 
Ma dedichiamoci a "Il libro del male", che solamente con una frase mi ha incuriosita a tal punto che questa saga si è aggiudicata un posto di privilegio nella mia Wishlist. Chi riuscirebbe a resistere dopo aver letto...
Ogni anno, per dieci anni, il cadavere di una ragazza viene ritrovato alla vigilia di Natale: nuda, sgozzata, il corpo lavato dopo lo scempio.
Io adesso voglio assolutamente scoprire chi si cela dietro queste macabre morti!

Titolo: Il libro del male
Autore: James Oswald
Genere: Thriller
Editore: Giunti - Collana M
Codice ean: 9788809783850
Pagine: 320
Prezzo: Ebook €6,99 - Cartaceo €10, 97
Link Amazon: Ebook - Cartaceo
Dieci anni. Dieci donne. L’ultima è stata Kirsty, la fidanzata dell’ispettore Tony McLean. Finché Donald Anderson, il killer di Edimburgo, non ha commesso un grave errore consentendo a McLean di porre fine a quella catena di ferocia. Dodici anni dopo Anderson è morto, è stato ammazzato in cella, ma il tempo di assaporare la vendetta per McLean non è ancora arrivato. Con l’avvicinarsi del Natale, infatti, un altro corpo viene rinvenuto: una ragazza nuda, legata a un ponte, e sottoposta allo stesso brutale rituale di anni addietro. Un killer che emula le gesta di Anderson? O l’uomo messo in prigione era quello sbagliato? O forse Il libro del male, un antico e oscuro manoscritto, sta guidando la mano di assassini diversi? McLean è costretto a riaprire il capitolo più doloroso di tutta la sua carriera e scoprire il tassello mancante prima che l’assassino colpisca ancora”

Vive in una fattoria in Scozia, dove nel tempo libero si dedica all'allevamento. Per vent'anni ha scritto solo per passione, finché un giorno ha deciso di autopubblicare su Amazon il primo thriller della serie dell'ispettore McLean, Nel nome del male: nel giro di pochi mesi l'eBook è stato scaricato da oltre 350.000 lettori. Questo incredibile successo ha attirato l'attenzione di Penguin, che con un'offerta altissima ha acquistato i diritti di tutta la serie già venduta in più di 12 Paesi. Il libro del male è l’attesissimo sequel di Nel nome del male, edito da Giunti nel 2014.

Continuando a parlare dell'autore, c'è una risposta a un'intervista che mi ha colpita particolarmente. Quando gli viene chiesto che cos'è il male per lui, James risponde:
Il male coincide con molte cose nel mondo moderno, ma per me assume sempre il valore di aggettivo più che di sostantivo. Le persone commettono atti di violenza per motivi strettamente egoistici, ma non penso che siano cattivi per natura. Non credo neppure a spiriti maligni, demoni e cose del genere, anche se me ne servo per le mie storie. La misoginia, il razzismo, l’intolleranza religiosa (all’interno e fra le religioni), la fede cieca…tutti questi elementi sono difetti della natura umana che ci portano a compiere il male.

Dicono del romanzo...
«Il nuovo astro della crime fiction inglese.» Daily Record 
«La rivelazione della crime fiction.» The Sunday Telegraph 
«Un fenomeno del web. Oswald è tra i migliori scrittori scozzesi di thriller.» Daily Mail 
«Cupo, inquietante, violento: il nuovo Ian Rankin.» The Herald


2 commenti: