mercoledì 7 gennaio 2015

Recensione "Codex Gilgamesh"

Questo è il primo romanzo in stile Steampunk che leggo e devo dire che ne sono rimasta totalmente affascinata. Leggevo tutto con ammirazione, sembravo una bambina che vedeva la neve per la prima volta. Ovviamente il merito è di questo autore che descrive le cose in maniera eccellente!
La storia mi ha preso così tanto che non vedo davvero l'ora di leggere il sequel. Il finale lascia veramente una voglia assurda di sapere cosa succede e perché i protagonisti fanno determinate scelte.
Essendo scritto in terza persona poi, abbiamo una visuale della storia a 360° e l'autore non tralascia nulla, soddisfa gli eventuali dubbi che potrebbero venire con la lettura.
La protagonista principale è Eudora, una cacciatrice della regina Vittoria. Siamo nel 1890.
Questo è il personaggio che maggiormente ho apprezzato nel romanzo, sia per la sua tenacia che per il carattere complesso e articolato. Sento che ci sono molte altre cose che si scopriranno su di lei, non vedo l'ora.
La missione di Eudora sarà quella di fermare Victor von Frankenstein, il quale ha trovato il modo di portare in vita le persone (non pensate al mostro con i chiodi  alla testa e malefico) le persone tornano alla loro giovinezza, ricevendo il dono dell'immortalità. Ed ecco che nel romanzo faranno la loro comparsa personaggi come Cleopatra e Leonardo da Vinci. L'obiettivo di Victor? Portare in vita Gilgamesh, considerato un semidio che possiede un'armata invincibile.
Ad allearsi con Eudora (che si scoprirà ha qualche conto in sospeso col barone) ci sono degli archeologi, che la accompagneranno nella città di Uruk, dopo il fallimento nel catturare Victor a Londra.
Tra armi particolari, invenzioni geniali, luoghi da sogno e una dose di mistero, questo romanzo vi terrà incollati alle pagine! Vorrei dirvi molto di più, ma non voglio togliervi il gusto di godervelo al 100%
 Tra le tante frasi che mi sono piaciute, questa è quella che mi ha colpita maggiormente
La verità non esiste, è stata addomesticata in una leggenda. 

Nessun commento:

Posta un commento