lunedì 15 dicembre 2014

Recensione "Con un poco di zucchero"


Vi ricordate Mary Poppins? La Tata che con la sua fantastica pazzia ha portato il sole nella vita della famiglia in cui stava? Io sì, anche perché era uno dei miei film preferiti da bambina!
Preparatevi, perché anche qui troverete una tata Superalifragilistichespiralidosa! Katie Baker è una trentenne con una vitalità che lascia a bocca aperta! Lei è sole, lei è allegria pura. All’inizio potrete pensare che il posto migliore per lei sia una clinica per pazzi, ma poi non ne potrete fare più a meno, anzi vi dispiacerà infinitamente quando leggerete (fin troppo presto) la parola fine! Avrei letto altre cento pagine del blogghino di Katie (nuvoletta.com).
Ma la storia, al contrario di quanto potrete immaginare, non è scritta dal punto di vista di Katie… ma da Teo, un coetaneo della nostra Katie e zio dei due bambini con cui la Tata deve stare.  
Chi è Teo? Un trent’enne che da otto mesi ha perso tutto: fidanzata, appartamento, lavoro e… ispirazione. Lui infatti è uno scrittore si romanzi horror, solo che l’ultima sua opera non ne vuole sapere di uscire dalle sue dita. Bloccato, una crisi dello scrittore (pure esistenziale, rivela lui stesso). Come passa il suo tempo? Tenta di portarsi a casa qualche ragazza, tentativi che per il 99,9% delle volte sono sabotati da Loro. (i nipotini) oppure parla su Skype con l’amico Stefano, che vive a Londra e se la spassa alla grande.
Quando l’ennesima Tata se ne va e arriva Katie inizia il vero divertimento. Tom non la sopporta, è sconvolto dalla sua solarità, da quei boccoloni biondi e da quegli enormi occhi verdi. Occhi che incantano… occhi da strega.
Tutti impazziscono per lei, tutti tranne lui, che si ritiene fortunato di non essere incappato nella sua ragnatela.
In realtà è il più invischiato di tutti… solo che ancora non lo sa!
Ma Tata Katie è molto di più, e vi stupirete anche voi quando conoscerete la sua storia. Se la potessi paragonare a qualcosa sicuramente sarebbe proprio un batuffolo di zucchero filato alla fragola!
Non potrete non innamorarvi di lei e non prendere a testate lui (all’inizio).
Un romanzo che li divora tanto velocemente quanto uno zucchero filato (d’altronde non è questo il titolo del romanzo?).
Una storia che vi farà ridere, ma che riuscirà a strapparvi anche qualche lacrima, perché si sa… tutte le storie con le tate toccano il cuore!
Ringrazio veramente l’autrice per avermi dato la possibilità di ospitare una tappa del blog tour facendo la recensione della sua opera! È un onore veramente enorme per me!
Consiglio veramente questo romanzo a tutti! Uomini compresi! Perché se Tata Katie è riuscita a mandare in ritiro spirituale Stefano… allora tutto è possibile!
Ups… quasi dimenticavo! Un saluto ai coccolosi Cincillà che approvano il sito di Katie!

2 commenti:

  1. Che recensione entusiasta! Ho deciso, nelle vacanze di Natale devo assolutamente leggerlo!

    RispondiElimina