venerdì 8 agosto 2014

Recensione "L'altra faccia della luna"

Questo è il primo romanzo che recensisco per la casa editrice Triskell, con cui ho iniziato a collaborare! E devo dire che me ne sono già innamorata follemente!
Come sempre ho scelto questo romanzo senza leggere né trame, né recensioni, ma facendomi guidare dal mio istinto! Devo dire che non mi ha delusa nemmeno questa volta!
La storia narrata è una continua sorpresa, scritta in maniera veramente fluida, senza cadere in banalità o in Cliché. Un mix di fantasy, giallo, e un pizzichino di romance che però fa impazzire!!
Ottimo lavoro! Decisamente questo è un romanzo che vorrei nella mia libreria, ed è sicuramente uno di quelli classificati in "Da rileggere".
Il libro è narrato in terza persona, cosa che noto essere diventata particolarmente rara ultimamente! Si preferisce narrare in prima e magari alternare i punti di vista dei due protagonisti. Devo dire che a me piacciono tutti, però cambiare prospettiva mi ha fatto particolarmente piacere!
Emma è la nostra protagonista! Una tipa molto particolare (lo capirete meglio nella citazione che metterò alla fine). La vediamo sempre con i suoi migliori amici: Andrea e Arianna. Loro tre, sempre insieme. Per qualche motivo sono sempre presi di mira e la scuola diventa per loro un incubo: arrivano sempre prima di tutti per evitare i bulletti ed escono per ultimi per lo stesso motivo; pranzano davanti la cattedra della bidella che, consegna loro la merenda perché ormai li ha presi in simpatia.
Quando ho letto questo mi sono rattristata un po' perché, anche se magari può sembrare molto "esagerato" in realtà queste sono cose che capitano in moltissime scuole, ed è davvero assurdo!!
Tornando alla trama, i nostri tre ragazzi credono di aver iniziato alla grande l'anno, riuscendo a evitare i peggiori. Convinti di essere gli ultimi escono tranquilli, ma si imbatto in un loro compagno, il capo di un gruppetto di bulli che li tormenta da un sacco di tempo. E gli incubi di tutti si risvegliano, quando Emma sembra non avere scampo ecco che a salvarli arriva Hisoka, un nuovo arrivato nella scuola, nonché compagno di classe di Andrea.
Dopo il salvataggio Andrea e Arianna stravedono per lui, mentre Emma sta sempre sulla difensiva, restia a fidarsi di qualcuno che non siano i loro amici.
Una parte che mi è piaciuta moltissimo è il fatto del giornale scolastico, di cui si occupa Emma e company e ovviamente a cui si aggrega Hisoka, fornendo un racconto breve a puntate; racconto che ammalia tutti, facendo aumentare drasticamente il numero di copie da stampare.
Tutto sembra procedere alla "normalità" quando una loro compagna di scuola sparisce in modo inspiegabile. E da qui inizia la parte mistery del romanzo, la ricerca del colpevole; una ricerca complessa, perché unisce la concretezza dei fatti con le leggende legate alla scuola.
Uno splendido intreccio direi!
Ce la faranno Emma, Andrea, Arianna e Hisoka a scoprire chi ha rapito la loro compagna? Riusciranno a non farsi forviare dai mille sospetti falsi?
E infine, la scettica Emma, aprirà veramente gli occhi e il cuore?
Non posso svelarvi altro! Però vi assicuro che vale la pena leggere ogni singola parola di questo romanzo! Non vi annoierete nemmeno un istante e, una volta finito (e credetemi lo finirete prima di quanto pensate) desidererete leggere il sequel!!
Book Boyfriend è un piccolo spazio dedicato al fidanzato che scelgo in ogni romanzo :) A volte la scelta potrebbe sembrare scontata. Però l'amore è l'amore! E coi personaggi dei libri non ci si può far nulla!
In questo caso è stato proprio Hisoka a rapirmi il cuore. Nonostante in questo romanzo conosciamo poco di lui, a parte alcune caratteristiche che vengono molto accentuate. Non vedo l'ora di leggere di lui nel sequel perché so che ne sapremo molto, ma molto di più!
La citazione che ho scelto di inserire l'ho riletta un bel po' di volte e credo si capisca parecchio bene che tipino è la nostra Emma.

C'erano alcune cose in cui Emma credeva: l'amicizia, la famiglia, l'amore incondizionato di un cane, la possibilità che, da qualche parte nel vasto universo, potesse esistere una qualche specie di vita. Credeva nel fatto che ogni uomo è artefice del proprio destino, nella possibilità che in un futuro che sperava non troppo lontano la scienza sarebbe riuscita a trovare una cura per tutti i mali.
Poi c'erano molte cose in cui non credeva affatto: fate, folletti, sirene, vampiri, licantropi, fantasmi, mostri, televendite, venditori porta a porta, commesse troppo sorridenti, impiegati scorbutici, medici accondiscendenti....


2 commenti:

  1. Anch'io devo leggerlo :)) la tua recensione mi ha convinta !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo leggilo!! Ne vale la pena!!! Fammi sapere poi :)

      Elimina