domenica 15 giugno 2014

Recensione "Quando il diavolo mi ha preso per mano"

Mi dispiace da morire aver "trascinato" questo romanzo per così tanto tempo. Non per mia scelta ovviamente, ma per cause di forza maggiore.
Mi è bastato vedere la cover per capire che questo romanzo mi sarebbe piaciuto. Ho passato veramente molto tempo a studiarmela e ogni volta che la guardavo notavo un dettaglio nuovo. Come anche voi potete vedere, tutto è incentrato su scale di colori molto scuri e tenebrosi. Per di più questo strapiombo inquietante e le due persone proprio sul bordo del precipizio sono davvero suggestive.
Il titolo spicca, con questi toni color fuoco, che richiamano sicuramente l'inferno dal quale proviene il Diavolo.
La protagonista è Violet, vediamo tutta la vicenda dal suo punto di vista, un punto di vista direi perfetto, perché noi, come lei siamo ignari delle vicende che succedono, e ovviamente cerchiamo di capire cosa potrebbe essere successo, chi è stato a fare cosa ecc.
I misteri qui non mancano! E nemmeno i colpi di scena, che arrivano in modo improvviso spiazzando tutte le tue scelte.
In questo romanzo c'è una crescita, man mano che si procede con la storia, di elementi horror e misteriosi.
Alla fine arriviamo ad una "risoluzione", ma abbiamo ancora molte domande che attendono risposta; non vedo davvero l'ora di leggere il seguito!
Violet vive col fratello gemello Luke a Candalù, una casa enorme (un tempo stupenda) da soli. I genitori sono artisti, e non amano restare a casa, al contrario sono sempre in giro per il mondo cercando la fortuna.
Dopo aver speso quasi tutti i soldi che avevano a Violet viene un'idea: mettere in affitto la Dépendance. Quando ormai le speranze sembravano averli abbandonati, ecco che arriva River, un bellissimo e tenebroso ragazzo.
Dal suo arrivo, però, le cose prendono una piega decisamente tetra. E Violet è decisa a capirne di più! Pretende risposte, che non sempre arrivano.
Di questa protagonista adoro la tenacia, nonostante tutto non si lascia intimorire e cerca di trovare una soluzione. Sembra molto buona, ma sa tirare fuori una rabbia devastante se vuole.
Al contrario, il personaggio di River è cominciato a piacermi solamente negli ultimi capitoli. Non so come mai non mi abbia presa, credo sia proprio per il suo carattere e atteggiamento.
Neely invece (fratello di River) mi è piaciuto fin da subito, nonostante il suo "lieve" difetto.
Non so se ci saranno triangoli amorosi nei prossimi capitoli della saga, però mi piacerebbe vedere Vi e Neely insieme.
In questa recensione ho volutamente evitato di dirvi un sacco di cose, proprio perché non voglio togliervi il piacere di gustarvi questo romanzo che, coi suoi toni horror/fantasy, mi ha conquistata.

6 commenti:

  1. Oh sì!!! Molto bello, e ovviamente... Neely più figo di tutti XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!!! A meno che nel sequel non arrivi un super mega gnocco! :)

      Elimina
  2. Uffffffi lo state leggendo tutti tranne me! È uno dei prossimi che leggerò spero*-* sono troppo curiosa! Complimenti per la recensione ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :) Questa volta ho svelato davvero pochissimo riguardo al romanzo. Quando lo leggerai, fammi sapere che ne pensi <3

      Elimina