sabato 25 gennaio 2014

Recensione "Requiem"

Aspettavo questo romanzo ardentemente! E ora che l'ho già finito mi manca tremendamente!
Ho conosciuto il genere distopico proprio grazie a Delirium, un romanzo che, pagina dopo pagina, mi ha rapita anima e corpo!
Lo stile di Lauren Oliver è formidabile... anzi ipnotizzante! Non sai mai cosa aspettarti, i colpi di scena arrivano quando meno te l'aspetti, e sono dei più disparati! Ecco una cosa che amo: con Lauren non devi mai farti dei progetti per quanto riguarda l'andamento del romanzo, devi leggere a mente svuotata e lasciarti trasportare dalla tempesta di emozioni che questa trilogia ha.

In questo ultimo capitolo vediamo due punti di vista (uno di cui proprio non avrei mai pensato): Lena (ovviamente) e Hana, che avevamo lasciato alla fine di Delirium.
Hana
Beh i capitoli che la riguardano ci danno una visione in prima persona di come ci si senta dopo la cura. Come ad un certo punto lo descrive Hana, tutto è ovattato, i ricordi, le emozioni. Le si sente lontane, e raggiungerle è impossibile. Però si sente più leggera, con meno pensieri e oppressioni. Questo lo crede lei, almeno finché non scopre la vera natura del suo futuro sposo e il senso di colpa, per ciò che ha fatto prima della cura, la attanaglia, facendola confondere particolarmente.

Lena

Beh Lena io la amo! Fin dal primo romanzo mi è piaciuta in tutto! Ora se ripenso alla Lena di Delirium vedo un enorme cambiamento: la prima era fermamente convinta che la cura fosse una cosa giusta, credeva a tutto ciò che le era stato insegnato a scuola. La Lena di ora lotta per amore, combatte, non si fa mettere i piedi in testa da nessuno!
Il ritorno di Alex (che credeva morto) le scombussola un po' tutte le sicurezze che fino a quel momento si era riuscita a costruire.
Ecco come me l'ero immaginata io (da romanticona) Alex e Lena si ritrovano e scatta in bacio appassionato. Realtà: Alex dice a Lena che non c'è più nulla fra loro, che lui non l'ha mai amata! Che il vecchio Alex è morto e con lui tutto ciò che è stato.
Il mio cuore è andato in frantumi! Ecco una delle tante cose che non mi aspettavo assolutamente! Il nuovo Alex è più freddo e ha molta rabbia repressa.
E Julian? Beh lui tenta di adattarsi alle Terre Selvagge, anche se non è facile! E diciamo che, alla fine ce la fa, e molto bene anche!
I ribelli vogliono fare qualcosa! È tempo di abbattere i muri! (messaggio che viene trasmesso molto chiaramente, non solo a livello concreto, ma anche sentimentale, Lauren ci dice di abbattere ogni muro che ci siamo costruiti e di vivere!!!)

In questo romanzo incontreremo personaggi nuovi, ma anche alcuni vecchi, che non credevamo di rivedere. Una conclusione ricca di colpi di scena...
L'unica pecca? è stato davvero troppo corto! Avrei letto altre 2000 pagine di questa storia! Perchè la adoro...

Voto: Best Brully's Books


Angolo spoiler (leggere solo se si ha letto il romanzo)

Beh inizio col dire che come conclusione mi aspettavo qualche paginetta in più, sia da parte di Hana (avrei voluto che non fosse da sola, ma che trovasse qualcuno o ritrovasse Lena) che di Lena.
Alex-Lena... avrei voluto leggere di più su di loro!! Sono stati un po' accantonati, e mi dispiace da morire. Dopo la felicità immensa che ho provato nel saperlo ancora vivo, speravo ci fosse un po' più Lena-Alex. Sono felice che alla fine si siano ritrovati (non ci speravo più, davvero... continuavo a ripetermi: mancano 5 pagine non può tornare ora, e invece per fortuna Lauren mi ha fatto questo regalo).
Per il resto il romanzo mi ha emozionata moltissimo, sia per quanto riguarda le vicende positive, che negative.
Spero davvero che alla fine di tutto, Lena e Alex stiano insieme (con tutto il rispetto per Julian... che purtroppo non mi è mai piaciuto!)

4 commenti:

  1. Non so, non mi ispira molto questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo Hunger Games è la mia trilogia preferita !!!!! Merita davvero!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Anche io non vedo l'ora che tu lo legga :) Per sapere cosa ne pensi :)

      Elimina