sabato 21 dicembre 2013

Recensione "Il confine del piacere"

Ringrazio Harlequin Mondadori per avermi inviato questo romanzo. Sto cominciando ad apprezzare questo genere, che non credevo potesse essere nelle mie corde.

Con uno stile scorrevolissimo, l'autrice ti immerge in una storia avvincente e dai toni molto attuali, che fanno riflettere molto.
Il romanzo è diviso in tre parti...
Nella prima i protagonisti principali sono Kit, Mac e Rider. Dopo essere tornati in città i due ragazzi 
scoprono che, durante la loro assenza uno sconosciuto aveva violentato la loro amica Kit. Purtroppo lei non ricorda nulla, lasciando questo misterioso personaggio in libertà. Fra i tre c'è sempre stata attrazione, che sfocerà in una relazione. Ma per Kit scegliere non sarà facile; sentimenti contrastanti la avvolgono, ma solo una poi si rivelerà essere la soluzione migliore...
Nella seconda parte, fa il suo ingresso Mia, una spogliarellista, amica di chiacchiere di Rider che, dopo alcune vicende con gli amici, si rifugia spesso da lei per avere dei consigli. Durante questa parte di romanzo il vero protagonista diciamo è Rider, che combatterò contro il più grande dei nemici: se stesso, ma si imbatterà anche diverse situazioni che nessuno vorrebbe affrontare, ma che faranno capire a più persone quale sarà il loro destino.
La protagonista della terza parte (con mia grande sorpresa) è Mia. Introdotta leggermente nel pezzo precedente, l'autrice ci permette di conoscerla meglio. Ho amato il personaggio di Mia in molte parti, come anche gli altri presenti nel romanzo; ma in particolar modo di lei che, dopo una delusione amorosa se ne va, credendo di poter risolvere i suoi problemi, invece finirà in un grosso guaio! Di un forza d'animo incredibile, Mia è dolce, fragile, ma allo stesso tempo è forte e finché può lotta! L'uomo che due anni prima l'aveva abbandonata per motivi sconosciuti improvvisamente si ripresenta alla porta di casa. Come mai? Cosa dirà quando scoprirò il motivo per cui Mia fa la spogliarellista? Riuscirà a salvarla da un futuro che tra le opzioni prevede il carcere???
Due relazioni completamente diverse, ma con un unica, solida, base....

Il confine del piacere non è solamente un romanzo erotico, tratta molti temi diversi, come l'aborto, la violenza (sia che essa possa essere sessuale o psicologica), la paura, lo sfruttamento.
Un romanzo che si legge tutto d'un fiato, che alterna momenti di eros (mai volgari) a momenti di tensione, spensieratezza, dolore.
Complimenti davvero, come sempre sono entusiasta di scoprire questi romanzi che mi lasciano qualcosa, quel qualcosa che non andrà perso col tempo, ma che rimarrà per sempre con me...
Lo consiglio vivamente!

Voto: libro che mi è piaciuto molto


2 commenti:

  1. Hai letto questo libro?
    Me lo consigli?
    Io mi sono fatto regalare la Cappella sistina di Alberto Angela lo conosci come libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che l'ho letto :) Sì te lo consiglio! Non credevo potesse piacermi così! L'altro romanzo purtroppo non l'ho letto, se per caso lo leggo ti dico la mia opinione :)

      Elimina