martedì 12 novembre 2013

The Chronicles of Wendell Blog Tour: "La storia dei Wendell secondo Ser Raymond" seconda tappa

Ciao a tutti! Eccomi qui a presentare la seconda tappa di questo fantastico Blog Tour! Mi sento onorata di far parte delle blogger che possono parlarne! Ringrazio nuovamente Alessandra! Prima di cominciare però ci sono un paio di cosette da dire!! Tanto per cominciare, per sapere cosa penso del primo racconto sui Wendell cliccate sull'immagine e leggete la mia recensione!
http://lepassionidibrully.blogspot.it/2013/09/recensione-primo-racconto-chronicles-of.html#links
Calendario del Blog Tour
8/11 Intervista all'autrice_Atelier Di Una Lettrice Compulsiva
12/11 La storia dei Wendell secondo Ser Raymond_Le Passioni Di Brully
20/11 La vicenda e i personaggi attraverso brevi Booktrailer_La Fenice Book
25/11Assaggi da "Il tempo di Luther". Estratti e anticipazione del secondo volume_Il Rumore Dei Libri
Il Blog Ufficiale
http://allacortedeiwendell.blogspot.it/
Link Amazon per acquistare il primo episodio
http://www.amazon.it/dp/B00FJ8N262/ref=as_li_tf_til?tag=ateldiunalett-21&camp=3458&creative=23838&linkCode=as1&creativeASIN=B00FJ8N262&adid=16AAM46YYRJ77AJDVP4G&&ref-refURL=http%3A%2F%2Fatelierdiunalettricecompulsiva.blogspot.it%2F2013%2F11%2Fthe-chronicles-of-wendell-blog-tour.html

E per finire, se non l'avete ancora fatto, vi invito ad andare subito nel blog di Diletta per leggere la prima incredibile tappa del blog tour The Chronicles of Wendell.
http://atelierdiunalettricecompulsiva.blogspot.it/2013/11/the-chronicles-of-wendell-blog-tour.html

E ora veniamo a noi! Muoio dalla curiosità di scoprire cosa avrà da dirci Raymond!

Il regno dei Wendell prende il nome dall'omonima dinastia e comprende un territorio molto vasto e fertile. Una terra quella a lungo combattuta, in un passato molto remoto, da fazioni opposte delle quali sappiamo poco o niente. Ecco perché oggi, in qualità di giornalista più che di scribacchina, mi accingo a intervistare uno dei personaggi della saga per cercare di capire assieme a voi cosa conosce delle leggende e della Storia dei Wendell. Ho deciso per tanto di disturbare Ser Raymond, il vecchio consigliere di Re Saul, il sovrano in fuga. 

Lo trovo alle prese con scartoffie varie, seduto da solo al lungo tavolo nella sala dai Numi. Mi sembra di vederlo parecchio agitato...
«Ser Raymond, ti posso fare qualche domanda?»
L'anziano uomo solleva di scatto la testa e la scuote. Non mi vuole parlare?
«Ah eccovi qui, scrittrice disordinata e incosciente!»
Resto basita. Nessuno dei miei personaggi fino ad ora mi ha mai rivolto la parola in quel modo. Devo ammettere però che ha dannatamente ragione. Disordinata lo sono e anche incosciente visto che mi butto a capofitto nelle storie senza sapere nemmeno io dove voglio andare a parare.

«Problemi?» gli faccio io.

«Sì e li avete creati tutti voi. Come spieghiamo ora ai lettori quello che è successo a Re Saul? E come lo spiegherò io a Luther?»
Gli faccio cenno di calmarsi se non vuole schiattare già alla fine del secondo volume. L'età c'è e posso sostituirlo con un personaggio più giovane e aitante se insiste con quei toni.
«Siamo in pieno blog tour. Potresti rimandare la ramanzina a più tardi? Magari in privato e solo nella mia testa?»
Ser Raymond sbuffa ma acconsente.
Personaggio contro scrittore. Una battaglia infinita questa su chi conduce cosa.
«Ser Raymond ti va di raccontare qualcosa sulla storia dei Wendell ai lettori del blog?»   
Il vecchio consigliere inarca un sopracciglio grigio e delle rughe si vengono a formare sulla sua fronte. Mi aspetto quasi un diniego, invece lui attacca subito:   
«I Wendell hanno conquistato queste terre e il potere più di duecento anni fa e capostipite è stato

Gralon Wendell, il “trascinatore di popoli”. Gettò le basi della dinastia e da allora i Wendell si succedono al trono regnando tra periodi di pace e sporadiche battaglie sanguinose. Io siedo a questo tavolo come primo ministro da quando Re Saul divenne sovrano e da allora seguo le sue vicende e, se me lo permetterete, seguirò da vicino anche quelle del suo successore.»
«C'è un evento particolare che secondo te ha segnato irrimediabilmente le sorti del regno e che il lettore dovrebbe conoscere?»
«Il lettore dovrebbe iniziare a chiedersi intanto come i Wendell vinsero questa terra. È una questione che devono tenere bene a mente. Voi stessa la conoscete ma siete restia a parlarne, e fate bene. Chi crede che quella dei Wendell sia una corte qualunque si sbaglia. Non riuscite proprio a restare lontana dalle atmosfere misteriose e lugubri, voi. Restate una scrittrice in ombra perché in realtà nelle ombre vi sentite a vostro agio.»
Ma sentitelo! Ora vuole fare anche la voce della mia coscienza!  
«Non tutti i Wendell sono stati dei re giusti.» prosegue prima che io possa ribattere «Le mele marce esistono in ogni famiglia e la corona non sceglie la testa dove posarsi ma gli viene imposta dal destino. C'è stato un re molto tempo fa, prima ancora che il padre di mio padre nascesse, il cui nome era Sloan Wendell. Ancora oggi i Wendell non osano nominarlo. È una macchia terribile per la stirpe. Egli fu un sovrano folle, che mandò al rogo tutti coloro che reputava una minaccia per il suo trono. Era ossessionato dall'idea di perdere tutto e poiché gli nacque una figlia femmina come unico erede mandò al rogo anche la regina, sua consorte. Avete confessato ai lettori che solo i Wendell maschi possono prendere le redini del regno?»   
«Non ancora, ma in genere è così che funziona. Anche nella storia “reale” molto spesso si dà precedenza alla discendenza maschile più che a quella femminile.»
Tuttavia sia io che Ser Raymond sappiamo che dietro a quella scelta in realtà c'è dell'altro. Tu lettore invece dovrai attendere ancora un poco per scoprirlo, non me ne volere...
«Sono stato uno sciocco a non capire prima cosa stava accadendo a Re Saul.» riprende l'anziano consigliere che mi sembra ancora più vecchio di quanto non lo sia già durante la scrittura del secondo capitolo.
«È stata colpa mia.» confesso «Non te l'ho detto perché dovevi giungere alle tombe reali del tutto inconsapevole.»
«Quel posto è tanto regale quanto orribile.»
Ma sarà la chiave di tutto.
«A proposito delle donne Wendell... » domando per cambiare discorso che si sta facendo troppo grave «Magari il lettore è curioso di sapere se c'è stata una Wendell che ha cercato di imporsi come legittima erede. Una primogenita battagliera insomma.»
Ser Raymond sembra pensarci su, anche se mi dà l'impressione di non voler semplicemente rispondere.
«Ci sono state molte primogenite ma nessuna di loro è mai salita al trono. In genere sposano nobili e i loro figli vengono allevati a corte. Più raramente le donne prendono i voti, ma c'è stata qualcuna che ha fatto questa coraggiosa scelta. A dir la verità ci sono stati anche consanguinei che si sono maritati tra di loro, figli di fratelli e sorelle Wendell ad esempio.»
«Come Luther e Meribeth insomma. Lui figlio del re e lei figlia del fratello del re.» Ser Raymond mi guarda scioccato.
«Ma Luther e Meribeth non sono sposati!»
«Facevo solo un'ipotesi. Keep calm...»
Quante ipotesi e fantasticherie produce la mia mente e non solo su quei due personaggi!
«Un re deve avere un erede e primogenito maschio. Anche a costo di ingravidare le donne di metà regno e avere una schiera di bastardi da nutrire.»
«Che linguaggio colorito, Ser Raymond! Non me l'aspettavo proprio da un personaggio come il tuo...»
Lo sto canzonando ma lui non sembra capirlo. Caspita come è nervoso oggi! Nemmeno avessi scritto una scena di lui che viene esposto alla gogna, tanto per dare un po' di brio alla storia!
«È per questo che Luther è un donnaiolo incallito?» sghignazzo tra me. Ser Raymond mi fulmina con lo guardo. Se prova ancora a dire qualche parola su di me o sul mio essere scribacchina, lo faccio fuori all'istante con un colpo di penna e via. Martin insegna di questi tempi.
«Ok, scusami. Ma non ti chiedi mai che tipo di re sarà Luther?»
«Lo faccio sempre, lady Alessandra. E non solo quando voi mi descrivete. Lo faccio anche quando me ne sto buono nella vostra testa ad attendere una delle mie entrate in scena.»
Ser Raymond mi fissa ora come se volesse leggermi nella mente e capire quale sarà il suo ruolo nella storia o quale fine sarà la sua. Ma questo al momento non penso di saperlo neppure io, quindi è solo tempo perso il suo.
«Ultima domanda e poi la finiamo qui o ho paura di dilungarmi e stancare il lettore: ricordi quale è stato lo scandalo di corte che più fece tremare le mura del castello?»
«Tornando al discorso di prima... c'è stato un re che sposò ben dieci nobili perché alcune non furono in grado di dargli dei figli e altre invece partorirono solo delle femmine. E fin qui non ci sarebbe stato nulla di male se non fosse corsa voce che il re amava giacere con tutte le sue mogli. E intendo tutte assieme.»
«E per “giacere” forse intendi proprio fare... ehm... ho capito. Potrei prendere spunto per Luther. Sono sicura che mi ringrazierebbe.»
Niente da fare, Ser Raymond mi guarda torvo come se avessi imprecato. Proprio non vuole capire che lo sto soltanto prendendo in giro. Si, la situazione che dovrà affrontare non è delle più rosee ma non sarà da solo. Ci sono molti personaggi fedeli alla corona e al nome dei Wendell.
«Penso di averti disturbato anche troppo.» gli dico intenzionata a concludere lì quel breve dialogo.
La scrittura mi attende e lui deve tornare alle sue scartoffie.
La nostra è un esistenza parallela; io do vita a lui e lui ricambia allo stesso modo.
«Tenga alto il nome dei Wendell, lady Alessandra.»   
«Lo farò.»
È buffo quando mi chiama “lady”. Se mi vedesse al pc mentre, sbraitando, revisiono i miei manoscritti mi chiamerebbe in tutt'altro modo.

Terrò alto il nome del Wendell, sì. Non sarà facile ma almeno ci proverò. Lo farò non solo per i personaggi ma anche per te lettore, che sei arrivato alla fine di questa bizzarra seconda tappa del blog tour. Ci vediamo alla prossima!
Ringrazio nuovamente Alessandra per questa fantastica chiacchiera/intervista! E mi raccomando non perdete la terza tappa!!! Che, vi ricordo, si terrà il 20 novembre nel blog La Fenice Book!!!

9 commenti:

  1. E che cavoloooo come ingravidare tutte ??? é_é no no non ci pensare proprio...
    Bellissimo questo post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lidia!! Ma no vedrai che non sarà così u.u

      Elimina
  2. Grazie Miriam per aver ospitato i Wendell <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *si inchina* è stato un estremo piacere Lady Alessandra :)

      Elimina
  3. carinissima questa tappa, troppo forte davvero, io sempre più curiosa (invoca il cartaceo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invoco con te Patrisha!!! Vogliamo il cartaceo Alessandra!!!

      Elimina
  4. se dico che voglio leggere come continuerà sono ripetitiva? Muovi le chapet Alessandra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no non sei ripetitiva :) anche io glielo dico sempre :) ci fa stare troppo sulle spine :)

      Elimina