mercoledì 31 luglio 2013

"The black mask" di Virginia Rainbow

Cosa si celerà dietro la maschera nera? Se volete scoprirlo dovete entrare nel romanzo di questa nuova autrice. Questa cover la trovo molto romantica, la roca vicino alla maschera, un po' come l'amore e il mistero, che si incatenano nei modi più strani e molte volte emozionanti...

Titolo: The black mask
Autrice: Virginia Rainbow
Genere: Amore/avventura
Pagine: 474
Prezzo: Cartaceo €18,00 Ebook €3,50
Dove acquistarlo: in tutti le librerie, previa ordinazione. Su tutti gli store online
Link amazon: Cartaceo
Trama

Il tenebroso Manuel, capo di una banda di criminali, decide di rapire la giovane Nicol, per ragioni misteriose. Ma durante la prigionia della ragazza, tra lei e Manuel si instaura un rapporto profondo, che stravolgerà i suoi piani e cambierà radicalmente il destino di entrambi.
Opera dalla scrittura delicata e genuina, a sprazzi dolcemente ingenua. Un tratto di penna forte e al contempo soave, per una trama coinvolgente, che, grazie alla chiarezza psicologica e alla profondità con la quale sono descritti i personaggi, consente al lettore una piena identificazione con essi e un alto grado di partecipazione emotiva. Un romanzo da leggere tutto d’un fiato, dal ritmo serrato e imprevedibile, che coadiuva un messaggio estremamente chiaro e positivo. L'atmosfera degli avvincenti feuilleton in stile "La freccia nera", con un linguaggio fresco, giovane, dotato di un’acuta sensibilità. 
Il lettore è trascinato nelle vicende incalzanti che porteranno i due protagonisti ad affrontare un tormentato percorso di salvezza, a cominciare da se stessi.

Riguardo l'autrice...
Virginia Rainbow è nata il 2 Maggio 1972 a San Benedetto del Tronto (AP). “La maschera nera” è il primo romanzo che ha deciso di pubblicare. Insegnante elementare nella scuola primaria “Alfortville” nell’ ISC SUD della sua città da diversi anni, fin da bambina scriveva racconti e brevi romanzi.


"Il sapore del proibito" di Catherine B.C.

Questo titolo...accompagnato da questa copertina non potevano che attirare la mia attenzione.
Dovrete attendere ancora poco per vederlo negli store online, per il momento però vi scrivo la sinossi del libro, così intanto potete fantasticare.

Titolo: Il sapore del proibito
Autrice: Catherine B.C.
Genere: Romance-erotico
Pagine: circa 203
Prezzo: Ebook €1,98
Link Amazon: Ebook
 
Trama
Fin dalla prima volta in cui la vede, Stephen capisce che Mya non sarà mai soltanto una semplice insegnante o una vicina di casa per lui. Col tempo, diventa la protagonista indiscussa dei suoi sogni e delle sue fantasie. Si trasforma gradualmente in una dolce ossessione, che Stephen tenterà anche di combattere a modo suo, ma alla quale ben presto si arrenderà, pur con la consapevolezza di esporsi e di essere vulnerabile.
Così accade, infatti, quando Mya, di fronte al suo corteggiamento insistente, gli confessa di stare con un’altra persona. Il sogno di Stephen crolla come un castello di carte e i due si allontanano, perdendosi di vista per qualche anno.
Ma il destino ha in serbo per loro ancora grandi cose e, all’improvviso, Mya ricompare, gravata da un passato che l’ha delusa e ferita. Alla Cascina l’attendono la serenità e la semplicità di un tempo… e Stephen! Tra i due, ora più maturi e consapevoli, la chimica è immediata e la passione scoppia di prepotenza. Per giorni si chiudono nella loro bolla dimenticando il resto del mondo. 
Tuttavia, il passato di Mya ritorna quando la loro felicità sembra concretizzarsi nel modo più dolce e naturale. Il suo ex compagno ingaggerà una lotta senza pari per rendere loro la vita difficile con l’unico scopo di riaverla.
Un avvincente susseguirsi di colpi di scena rischierà di sfibrare il loro rapporto, ma l’intervento di uno dei personaggi più ironici e forti dell’intera storia, farà tornare il sereno, aprendo nuove prospettive.


Settimo appuntamento "What I read"

Tra temporali e caldi insopportabili anche il mese di luglio ci saluta. Il che vuol dire che è tempo di tirare le somme e vedere quanti libri abbiamo letto.
Io non sono stata brava come il mese scorso, ma non posso lamentarmi. In tutto ho letto 8 libri.
Ecco i titoli con le valutazioni.

1) L'ultimo respiro per la redenzione voto *****
2) Gilbert voto *****
3) Sulle ali di un angelo voto ****
4) Riemerso dalle tenebre voto *****
5) Powers voto ****
6) Limbus voto *****
7) L'ultimo angelo voto *****
8) La stanza del dipinto maledetto voto *****


E a voi com'è andata questo mese??? quali sono le letture che vi hanno accompagnato in questo pazzo mese di luglio??
Ci vediamo il mese prossimo!!! Un bacione!

Prima tappa del Blogtour + indovinello per vincere un premio

Ciao a tutti followers, a me il piacere di ospitare in questa prima tappa del blogtour un romanzo di Antonio Antico. Un giovane, anzi giovanissimo autore.
Partiamo con l'estratto...


Mi risveglio bagnata fradicia. Maledizione. Miriam è in fondo alla sala: è una signora piuttosto anziana con i capelli rosso carota. Un colore orribile se abbinato alle rughe ed alle occhiaie. Ci avviciniamo.
"Chi ora disturbare Miriam?" chiede con gli occhi perennemente chiusi.
"Robert Muj e Nicole De Jean. Noi siamo in cerca di..." lo interrompe per dirci "Voi siete in terca di vostro figlio. Jonathan Muj. Bene io posso dirvi dove si trova, ma voi dovete darmi qualcosa in cambio. Qualcosa di prezioso per uno di voi due. E lo voglio...da lei." mi indica. "C-c-cosa vuoi da me?"
"Quello che voglio da te è una cosa che non sai neanche di avere. Lo voglio..." il tono si fa più cupo.
"L'essenza dell'Angelo."
"Cosa? L'essenza dell'angelo?"
"Ti spiego con calma la tua situazione Nicole De Jean. Tu hai procreato un mostro, un demone. così come la leggenda dice: il sangue del vampiro più potente e quello del lupo Bianco, porterà solo morte. Essendo un demone però mia cara, lui ha un'altra metà. L'essenza dell'Angelo. Che è custodita dentro di te. Essa sarà in grado di distruggere la mia eternità."
Robert di fa attento. Nemmeno lui voleva avere quel peso. Perché prima o poi avrebbe perso me e Jonathan.
"Allora? Affare fatto?" mi tende la mano.
"Non preoccuparti soltanto durante la tua morte potrò impossessarmene, quindi ti devo marchiare. Un marchio molto potente. Ma devi accettare." Tende ancora di più la mano verso di me. Ho deciso.
"Io...accetto."
Robert è a pezzi lo vedo, ma nostro figlio è più importante di quell'Essenza che è dentro di me.
"Perfetto." e detto questo disegna sulla mia scapola destra uno strano simbolo nero. Avrei potuto scambiarlo per un tatuaggio. Erano due ali semiaperte e quasi del tutto diafane, infatti facevano intravedere un paesaggio stupendo. Pieno di foreste e colline. Il suo dito scivolò sulla mia pelle per ben dieci minuti.
Poi alla fine il marchio si illuminò di una strana luce azzurrina. Per poi tornare nero.
"Bene le ali si apriranno sempre di più e quando avranno raggiunto il massimo dell'apertura. Tu morirai." abbassa lo sguardo, ma io sono forte, supererò anche questo.
"Ma mio figlio?" sembra ricordarsene dopo un po'.
"Via Laura Olivia Mancini, 31, c'è un portale per l'Altro Mondo."
"L'Altro Mondo? Non capisco quello che vuole dire."
"Uffa ragazzi ma non sapete niente, l'Altro Mondo è la casa natale dei vampiri, delle fate, dei demoni e dei licantropi." Rabbrividisco.
"Tempo scaduto." Schiocca le dita e in un momento mi ritrovo sotto l'acqua gelida. Salgo in superficie, mi aggrappo alla nave e attendo Robert che arriva dieci minuti più tardi con una faccia sconvolta.
"Che ti ha detto?" lui mi guarda e mi dice che non è il momento. Abbasso lo sguardo. Lui si toglie la maglietta e inizia a remare. I suoi muscoli lavorano ogni volta che muove un remo. Lo fisso come una scema per secoli.

Il mio pensiero
A parte qualche leggero errore scovato nella versione originale del file, trovo questo estratto intrigante. Sono curiosa di scoprire cosa succederà. Non ho letto la trama per non lasciarmi influenzare, però spero non sia un romanzo deludente. Ovviamente alcune parti vanno riviste e sistemate, ma l'idea di base non è male. Vedremo...

Il libro...
Potete acquistare l'ebook a soli €1,99
Trama: The bloody love saga Il principio il Graffio è il nuovo episodio della saga the bloody love. Qui troviamo una Nicole e Robert un po' cambiati. Ma quanto si può cambiare quando dentro di se si nasconde una bestia? Arneth e Luke gli antenati di Nicole e di Robert, vissuti nel 410 a.C. al tempo dei greci. Ciò potrebbe spiegare il perché del rito di sangue. Infatti è proprio così e Nicole, ormai mamma del bellissimo Jonathan, può vedere il passato. Ma c'è qualcosa di nascosto dappertutto. E si troverà un mostro più potente del clan vicino a sé. Robert? No.... Jonathan.


...Scopri il segreto del vampiro... 
Un piccolo indovinello che vi permetterà di poter vincere un premio ideato dall'autore. Rispondete nei commenti al post, lasciando la vostra email per ricontattarmi.
Solo controllata da una macchina.
Il mio contrario è molto più comune di me...
La giustizia è una mia conseguenza. Cosa sono?
Promemoria...
Vi ricordo che l'8 agosto ci sarà il secondo
appuntamento del blogtour nel blog dell'autore.

Blogtour "The bloody love saga"

Salve miei carissimi followers. Dopo un'enorme attesa ecco finalmente il sanguinoso Blog tour, dove ogni vampiro o licantropo è ben accetto.
Sto parlando del tour della saga d'esordio di Antico Antonio, della quale il primo romanzo sarà pubblicato il 9 agosto.
Siete curiosi di quello che accadrà in queste tre fantastiche settimane? Allora iniziamo subito con il calendario...

CALENDARIO
31 Luglio
Vivete l'inizio della fine sul mio blog
Vi aspetta un estratto molto hot.
8 Agosto
La tana del romanzo.
 indovinello e un estratto.
Nel blog dell'autore Book's bazar
15 Agosto
Venite all'Ora del Libro per l'ultimo 
Indovinello. Nel blog L'ora del libro di Anita Book.
20 Agosto
Piccola sorpresina per voi.
Riguardo al libro...
Titolo: The bloody love saga_Il principio-il graffio.
Autore: Antonio Antico
Genere: Urban fantasy
Pagine: 104
Prezzo: Ebook €1,99
Trama: The bloody love saga Il principio il Graffio è il nuovo episodio della saga the bloody love. Qui troviamo una Nicole e Robert un po' cambiati. Ma quanto si può cambiare quando dentro di se si nasconde una bestia? Arneth e Luke gli antenati di Nicole e di Robert, vissuti nel 410 a.C. al tempo dei greci. Ciò potrebbe spiegare il perché del rito di sangue. Infatti è proprio così e Nicole, ormai mamma del bellissimo Jonathan, può vedere il passato. Ma c'è qualcosa di nascosto dappertutto. E si troverà un mostro più potente del clan vicino a sé. Robert? No.... Jonathan.
Prequel: il canto del lupo ( contattare l'autore nel caso lo voleste leggere)
Piccolo estratto...
Robert è di schiena, sembra non volermi vedere. E come dargli torto, la mia pelle è devastata: enormi e nere occhiaie attirano sempre più gli sguardi degli altri, ormai sembrano aver oscurato lo smeraldo dei miei occhi. Jonathan non era con lui, l'hanno preso le infermiere dieci minuti fa [...]
[...] Sono impaziente poi dalla porta entrano due infermiere. -Siamo qui per prendere il bambino- dicono in coro. -Come scusate? Lo avete preso dieci minuti fa!- dice sconvolto. -No signore si sbaglia.
  - Dov'è il mio bambino!? - grido impazzita.


martedì 30 luglio 2013

Recensione "L'ultimo angelo"

Eccomi qui. Ieri sera, o melio questa mattina, ho concluso l'ultimo capitolo di questa saga stupenda.
Da dove parto? Direi di cominciare dalle cose "negative".
Purtroppo il comportamento di Nora mi ha infastidito parecchio e vi spiego anche perché.
Si arrabbia per niente. Se Patch la esclude perché vuole salvarla, perché ha paura che le accada qualcosa, lei si incazza e non lo vuole più vedere (io al suo posto mi sarei sentita onorata di poter avere un ragazzo così). Le mostrano delle foto nelle quali si vede un bacio tra Patch e .... Nora ovviamente va in bestia e per fortuna poi si calma ascoltando la vera versione dei fatti. Tutto bene, è comprensibile questo comportamento, chi non si comporterebbe così. Il problema viene dopo,
quando ..... la bacia dentro ad un locale. Lei che fa? ride e continua la sua messinscena, senza dirlo a Patch quando si vedono o senza incavolarsi con ... una volta usciti dal locale. In quel momento l'avrei presa a sberle. Patch al contrario è sinonimo di comprensione: non si arrabbia con lei e la abbandona quando Nora gli confessa che per settimane gli ha raccontato solo bugie.
Dopo questo piccolo sfogo sul comportamento di Nora, che in certi momenti non ho proprio digerito, passiamo alla recensione vera e propria.

Sulle ali di un angelo si era concluso con la trasformazione di Nora in una Nephilim, costretta a guidare l'esercito di suo padre (Hank) verso una guerra contro gli angeli caduti.
La difficoltà maggiore, è appunto l'impossibilità di vivere un vero rapporto con Patch, che è il nemico.
Si dovranno vedere di nascosto e non sarà per niente facile. Dante, un membro importante del clan dei Nephilim la aiuterà con l'addestramento, proponendole di fingere una relazione per non far insospettire gli altri membri del gruppo.
Nora accetta (anche se la cosa non verrà narrata, anzi verrà lasciata lì). Il pericolo maggiore ora è "l'arte diabolica" che permette ai Nephilim di essere forti come gli angeli caduti, se non di più.
Nora non sa, ma Dante, dopo il primo allenamento gliene fa bere una bottiglia. La ragazza è convinta sia una bevanda energizzante, ma dopo averlo scoperto si rifiuta (nonostante le piaccia il potere che sente di avere) di berne ancora, ma non sarà per nulla facile...per colpa di...(lo scoprirete).
Blakely, è l'uomo che devono trovare, per distruggere l'arte diabolica per sempre. Molti personaggi nuovi, che sembrano affidabili, ma si riveleranno l'esatto contrario.
I tradimenti sono all'ordine del giorno, non ci si può fidare di nessuno.
La guerra è vicina, anzi vicinissima e giungerà nel momento più inaspettato.
Chi la spunterà? Gli angeli caduti o i Nephilim? E nel caso vincessero i secondi...cosa accadrebbe a Patch? Riusciranno a stare insieme dopo mille difficoltà?
Leggetelo e lo scoprirete.
Purtroppo non posso dirvi altro, questo romanzo è talmente ricco di spoiler, da impedirmi una recensione più lunga.
Posso dirvi però cosa ha trasmesso a me...una miriade di sensazioni. Io mi sentivo dentro al romanzo, ero completamente coinvolta, forse proprio per questo più di una volta volevo intervenire prendendo a schiaffi qualche personaggio. La scrittura è semplice, non risulta mai pesante. I dialoghi sono fantastici e i sentimenti sono descritti in modo particolare, ma l'importante è che sono VERI e non sono (come in alcuni romanzi che ho letto) esagerati e pompati risultando finti.
Tutti i personaggi (parlo dell'intera saga) mi sono rimasti dentro, soprattutto Patch e Nora, ma in generale li ho adorati tutti...anche i cattivi, ognuno aveva il suo perché, che mi intrigava molto.
I colpi di scena sono il pane quotidiano di questa saga, ne succedono davvero di tutti i colori, e ognuno di essi ti lascia più o meno spiazzata.
Questi sono romanzi che si vivono col cuore, che non lasciano scampo dentro di te. Sono una dipendenza...
Sono davvero dispiaciuta di essere arrivata già alla conclusione, spero di poter leggere ancora degli scritti di Becca Fitzpatrick, perché la trovo un'autrice fenomenale, in grado di farti provare emozioni fortissime.

Prima di dirvi il mio voto voglio regalarvi due estratti del romanzo. Non sono scritti in ordine per evitare spoiler.

"Sei uno schianto con questo smoking" gli sorrisi con approvazione.
"No, angelo." Si chinò su di me e mi mordicchiò teneramente un orecchio. "Sono uno schianto senza."

"Voglio svegliarmi accanto a te ogni mattina e addormentarmi al tuo fianco ogni notte. Voglio prendermi cura di te, adorarti e amarti come nessun altro uomo potrebbe mai fare. Voglio viziarti. Ogni bacio, ogni carezza, ogni pensiero...sono tuoi. Ti renderò felice. Ti renderò felice tutti i giorni della tua vita."
 
Ce ne sarebbe anche un altro, ma sarebbe uno spoiler pazzesco...
Ecco il mio voto per questo romanzo...e una targhetta di ringraziamento...direi che è meritata!!!
 

sabato 27 luglio 2013

"Il pozzo delle anime" di Serena Versari

Ciao a tutti, oggi vi presento un altro romanzo che mi ha colpito moltissimo. La copertina (la parte che amo di più nei romanzi) è meravigliosa, queste tonalità fredde, questa ragazza che è appoggiata al tronco dell'albero pensierosa. Ti viene voglia di scoprire di più. E' per questo che la gentilissima autrice di questo romanzo mi ha inviato il file ebook e presto lo recensirò.

Titolo: Il pozzo delle anime
Autrice: Serena Versari
Genere: Urban fantasy/paranormal romance
Pagine: 158
Casa Editrice: GDS
Prezzo: Cartaceo €13,90  Ebook €2,99
Link acquisto: Amazon, Kobo, GDS
 
Trama
"Tornati tra le loro montagne, finalmente Jason e Erika, possono godere appieno del loro amore.
Ma ben presto una nuova minaccia, sconvolgerà le loro esistenze.
Il Signore Oscuro, ha trovato il modo di annientare la razza umana, e solo loro hanno il potere di fermarlo.
Lontano dal suo amato, ma in compagnia della sua fidata e inseparabile amica Ambra, Erika intraprenderà un viaggio in terre sconosciute, piene di insidie e pericoli, alla ricerca del Pozzo delle Anime." 


 
Link



venerdì 26 luglio 2013

Recensione "Limbus"

Ciao a tutti. Sono ancora presa da tutti i sentimenti che mi ha fatto provare questo meraviglioso romanzo.
Prima di partire con la recensione, però voglio parlarvi un po' di Luana Semprini.
La ritengo un'autrice fantastica, capace di scrivere romanzi spettacolari di generi molto diversi fra loro. Io li ho letti tutti quelli che ha scritto, alcuni non sono ancora usciti, altri sono usciti, ma per revisioni li ha tolti dal commercio. Io mi ritengo una persona fortunata, perché li ho potuti assaporare tutti.
E' stato grazie ai suoi romanzi che ho deciso di aprire un blog e fare recensioni. Le emozioni che provavo erano talmente tante che sentivo il bisogno di parlarne, e esternarle. E' stata lei, la prima autrice esordiente che ho conosciuto.
Quindi si merita un grazie infinito da parte mia.
Luana mi ha avvicinato a generi che mai avrei creduto di leggere, come ad esempio il fantascientifico. Lei riesce a coinvolgerti in una maniera che solo chi ha letto ciò che scrive può immaginare.
E' cresciuta moltissimo, io vedo ad ogni romanzo un qualcosa in più, che lo rende praticamente imperdibile. I personaggi che nascono dalle sue parole sono incredibili, ti entrano nel cuore e non puoi più vivere senza di loro. Chi può dimenticarsi di Rudy? O di Redcliff? Chi non ha sognato di poter vivere a Morval? Io si! Cristina è stato il primo romanzo che ho letto, e probabilmente è quello a cui sono più legata!
Ma ora basta ricordi (altrimenti piango ...ancora)
Sto fremendo per parlarvi del nuovo romanzo di Luana...Limbus!!

Limbus in una parola? IMPERDIBILE.
Giada, Philippe, Asif, Asha e Joseph, ecco i nomi dei personaggi che incontreremo in questo romanzo. La protagonista, però, è Giada, una ragazza Italiana.
Il romanzo comincia con l'incidente di Giada che, ubriaca, fa una curva a gomito in quarta...
Al suo risveglio incontra per la prima volta i personaggi che vi ho citato sopra. Ognuno di loro proviene da un luogo diverso del mondo: Philippe è francese, Joseph americano, Asif arabo e Asha è indiana.
Cosa li accomuna? La morte.
Entrambi sono morti nello stesso esatto momento in varie parti del mondo.
Ma la domanda che tutti si pongono è: Dove siamo finiti? Infatti si trovano in una stanza pria di porte e finestre.
All'improvviso un volto misterioso gli annuncia che loro devono andare in una casa e ucciderne l'abitante; solo così possono ritornare in vita.
Increduli e spaesati si incamminano e raggiungono questa misteriosa casa tramite un cunicolo apparso nel nulla.
La casa è grande e molto bella, ognuno dei ragazzi ha una stanza personale, nella quale, sopra al letto c'è una scatola.
Il colore della camera di Giada è il rosa, i suo colore preferito.
Ma cosa contengono le scatole? Qual è il passato di ognuno di loro?
A peggiorare quel clima teso, un messaggio che appare alla protagonista in modo improvviso.
Tra di voi c'è un assassino
 Non c'è cosa peggiore, secondo me, trovarsi insieme a quattro persone sconosciute e sapere che uno di loro ha ucciso qualcuno e, quindi, non si farebbe problemi a uccidere anche me.
Il panico è palpabile, cose strane accadono tra le mura della casa e anche fuori. Giada più volte ha delle allucinazioni, si ritrova in altri luoghi, rivive gli ultimi momenti della sua vita, non solo della sua...
Dopo aver avvisato gli altri, l'unica cosa da fare, è cercare di confidarsi gli uni con gli altri, per capire il passato di tutti.
Tutti sospettano di Joseph, l'americano antipatico, che preferisce la solitudine e risponde male a tutti. Lui non vuole rivelare il suo passato, per questo tutti pensano che sia lui l'assassino.
Giada cerca di capirlo e, durante il corso degli avvenimenti, matura molto. Lei stessa si sorprende dei suoi modi di fare.
La morte di uno dei componenti della comitiva, fa delirare tutti, in particolar modo la protagonista.
Da qui voglio fermarmi con la narrazione della trama, perché mi è impossibile proseguire senza fare spoiler.
Posso dirvi però le mie impressioni a riguardo. Come sempre il linguaggio è semplice (e per semplice non intendo elementare, ma privo di paroloni ultra difficili, che risultano forzati) è leggero, originale, e MAI pesante che rende la lettura noiosa.
Le situazioni che si creano mi hanno lasciata spiazzata. Quando leggevo ero totalmente immersa, ad un certo punto vedi che c'è un posto in più a tavola o una stanza in più, quella è diventata la mia stanza, e il posto vuoto l'ho sentito mio. Ero dentro la storia, provavo angoscia nelle situazioni di tensione e sollievo quando si credeva si fosse sistemato qualcosa.
Fin dalla prima pagina sono rimasta coinvolta. E' questo il segreto di Luana secondo me. Non c'è stata una volta in cui non abbia detto: quando decolla la storia?
Tutti i personaggi sono ben caratterizzati, inizialmente aleggia un alone di mistero, che per alcuni rimane molto a lungo. In fondo sono tutti sconosciuti e la fiducia in questo caso è l'ultima cosa che si può pensare di dare e ottenere.
Il presunto "primo finale" (così l'ho battezzato io) mi ha scioccata. Non potrei definire i miei sentimenti in altra maniera. Ero lì, ho letto, ma non ho reagito; ero rassegnata a quel finale.
Poi la storia prosegue ancora per qualche capitolo e vengo sconvolta per una seconda volta. Cosa è successo? Ho dovuto mettere da parte il tablet, perché gli occhi erano pieni di lacrime che non riuscivo a vedere nulla. Riscrivendo queste righe, queste sceme ritornano a scendere.
E' in momenti come questi che ti sorprende la capacità che ha un libro di travolgerti. Come le parole non sono solo parole, ma si trasformano in immagini, più o meno nitide nella tua mente; e tu sei in balia dei fatti senza riuscire ad opporre resistenza. Com'è possibile sentirsi in questo modo? E' una sensazione inspiegabile e fantastica.
Io ringrazio il cielo che esistano autrici come Luana, capaci di dare così tanto!!
Sono impaziente di leggere altri romanzi scritti da lei, so che me ne innamorerò come ho fatto con questo e con quelli passati!
Libro da consigliare? ASSOLUTAMENTE SI'!!
Ecco il mio voto... accompagnato dalla ormai famosa targhetta <3




giovedì 25 luglio 2013

Recensione "Gilbert"

E' da un po' che questa recensione è pronta per essere pubblicata, finalmente oggi, con l'uscita dello spin-off posso finalmente condividere con voi il mio parere a riguardo.
Per chi non lo sapesse Gilbert narra le prime 140 pagine del romanzo "Bianco & Nero p.1" dal punto di vista del protagonista maschile, ovvero Gilbert.
Se state pensando che leggendo questo vi rovinerete il romanzo vi sbagliate. Nonostante si parli dello stesso periodo, le due parti sono molto differenti, due prospettive totalmente diverse di vedere la 
prima parte del romanzo. Io ne sono rimasta molto entusiasta perchè ho potuto avere una visione a 360° della situazione.
I diamoghi non sono molti, il che permette di non cadere nella banalità rileggendo le stesse esatte parole. I pochi presenti, sono alternati dai pensieri di lui.
Lui...eh eh che personaggio! O lo amate alla follia o lo odiate! Non ci sono mezze misure quando si parla di Gilbert.
Io sono del team Gilbert-ti-amo-da-morire!! Nonostante sia Nero e faccia cose mostruose, ha una parte bianca, che in questo spin-off risalta molto di più. Io non ho avuto mai pregiudizi nei suoi confronti e capirlo così profondamente è stato meraviglioso.
L'autrice ci ha condotto nei meandri oscuri della sua anima senza censure. Gilbert è il male, non finge di essere il bene. Serenia, la principessa Bianca, sua moglie lo mette in crisi; con lei tutto è diverso: ciò che credeva essere giusto, da quando sono insieme, assume altre sfumature.
Riflette, cerca di frenare il suo essere per non perderla. Ce la farà? Riuscirà a domare il demone che è ancorato al suo cuore, per salvare la donna che, con suo grande stupore, crede di amare?
Un'escaletion di emozioni vi accompagnerà dalla prima all'ultima pagina, facendovi desiderare di leggere ancora e ancora, finché vi trovereta di fronte ad un finale scioccante, che in pochissime pagine stravolge tutto.
Se amerete questo spin-off non potete non leggere Bianco e Nero.
Gilbert e Serenia, due protagonisti fantastici, che spero amerete come me.
Aspetto veramente con ansia Bianco & Nero parte II. Perchè la nostra autrice perfina :) non solo crea un finale sconvolgente nella prima parte del romanzo, ma ne scrive uno a fine romanzo, se possibile ancora più intenso del primo.

Prima di dare il voto volevo ringraziare di cuore Marina P. Pieroni per avermi battezzata "Beta Reader", per essersi affidata a me, facendomi leggere in super anteprima il suo romanzo. Quando succedono queste cose io vengo assalita da una gioia immensa! Quindi grazie grazie e ancora grazie!!
Ecco il voto...




Accompagnato dalla targhetta speciale che fa di Gilbert uno dei miei romanzi preferiti

"Love vampire" di Ilaria Militello

Ciao a tutti, Oggi vi presento un nuovo libro che mi ha colpita molto.
Questa copertina si adatta perfettamente al titolo o meglio alla seconda parole del titolo: Vampire.
Io quando penso ai vampiri, prima ancora di visualizzare i denti appuntiti vedo sangue.
Questa cover ne mostra non poco!! Altra cosa che mi è piaciuta molto è il colore quasi biancastro della pelle della ragazza che si vede.
Comprerei il libro solo per la copertina? SI'

Titolo: Love vampire
Autrice: Ilaria Militello
Casa editrice: Edizioni webmaster60
ISBN: 9781291288803
Genere: Urban fantasy
Pagine: 275
Prezzo: Cartaceo €15,00 Ebook €6,00
Dove acquistarlo: Youcanprint
Oppure contattate: bassano.raffaele@gmail.com

Trama
Lùlea in seguito alla morte di sua mamma si trova costretta a trasferirsi dai nonni materni in Irlanda, dove tutto è strano. Non è più come quando era bambina. C'è qualcosa di misterioso ora lì.  Forse la nuova famiglia residente nella vecchia villa nel bosco è l'artefice di quell'alone di mistero? Lùlea ben presto conosce uno dei ragazzi della villa, il suo nome è Alex, che nasconde un grande segreto, come il resto degli inquilini della villa. Fra i due nasce subito un’intesa, una storia che sembra un dejà-vu. A Lùlea pare di aver già conosciuto e amato Alex in passato. La ragazza si troverà presto coinvolta in un amore forte, ma avrà anche il tormento di capire chi è veramente Alexandre Turner, che cercherà in ogni modo di nascondere la sua vera identità per paura di un suo rifiuto, ma presto dovrà decidere e a quel punto inizierà a scoprire verità che cambieranno ogni cosa.

Spezzoni
Lùlea arriva in Irlanda – Capitolo Uno
Arrivati al Cork International Airport, scopri che l'autobus che mi avrebbe portata a Bantry era in ritardo di una ventina di minuti e fu un bene perché persi un sacco di tempo a recuperare le mie valigie. Mi diressi verso la fermata, mi sedetti sulla panchina ad aspettare e guardai attorno a me le campagne verdi. Ammirai il cielo limpido e azzurro. Stava iniziando l'estate e come ogni estate che passavo lì, venivo sempre affascinata dallo splendido panorama di quei posti. Persa nei miei pensieri, ad un tratto avverti una strana sensazione, sentivo come se qualcuno mi stesse osservando. Mi voltai di scatto e mi guardai attorno, ma non vidi nessuno, c'ero solo io, eppure continuavo a sentire quella strana sensazione. Mi sembrava come se avessi due occhi puntati addosso che mi scrutavano con curiosità e desiderio.

Lùlea sogna sua mamma nella villa – Capitolo Due
Quella notte sognai di nuovo quella donna, sognai il giardino e quella strana creatura che c'era sulla fontana nel corridoio dei libri. Mi sorrideva, o almeno credevo fosse un sorriso e aveva le braccia. Due piccole braccia, magroline e due minuscole mani con quattro dita, mi stava indicando qualcosa o meglio qualcuno ma non riuscivo a vederlo perché era nell'ombra, cercai di avvicinarmi e riconobbi subito quella figura. Era mia mamma, ma era strana. Era pallida, i suoi occhi brillavano di un grigio intenso.
«Mamma che ci fai qui?», le chiesi, ma lei non mi rispose, mi avvicinai e quando le fui accanto vidi che stava parlando con un uomo. Era il mio ex professore, Alan McFanny.
-Ma che ci fa qui il mio professore?- pensai e in quel momento capii che era un sogno, perché era impossibile che mia mamma fosse viva e stesse parlando con lui nel giardino di quella donna e in quel momento mi si avvicinò l' Ashling che senza aprir bocca mi parlò: «Non è impossibile quello che vedi. Alle volte la realtà è proprio come i sogni ce la rivelano».
«Cosa? Ma che stai dicendo? La realtà?», chiesi perplessa. «Non può essere, mia mamma è morta>>.
«Questo è uno sguardo innocente nel presente di chi è qui».
«Come, ma che stai dicendo, che significa?», chiesi confusa, ma l'Ashling non parlò più e all’improvviso sentì la presenza di qualcuno accanto a me, mi girai e vidi di nuovo l'uomo dagl' occhi rossi.
Alex va da Lutz – Capitolo Trenta
«Devo andare», dissi solo e senza dar loro il tempo di farmi domande schizzai via. Raggiunsi le isole Aran, luogo dove avrei trovato chi mi avrebbe aiutato con il mio tormento. Entrai fra le tante insenature e camminai nella buia e umida caverna. Raggiunsi l’interno, dove mi accolse un odore di zolfo e muffa. Mi guardai attorno e mi chiesi a che punto eravamo arrivati ormai, per noi non c’era altro modo che nascondersi per poter vivere.
«Non è importante dove vivi, mio caro amico, l’importante è come vivi». La voce profonda di Lutz risuonò per l’intera caverna. 
«Il mondo una volta era nostro», dissi abbozzando un sorriso.
«Il mondo non è di nessuno. Noi lo occupiavamo come ora lo fanno gli umani».
«Sì, ma noi eravamo più rispettosi».
«Non siamo tutti uguali. L’animo umano è debole, facile da comprare. Ormai gli esseri umani
pensano solo a se stessi e alle loro carriere, presi dal poter essere sempre all’altezza senza vedere cosa conta, senza apprezzare le semplici cose. Sono troppo avidi». Annuii. Ero pienamente d’accordo con lui. «Comunque non sei venuto qui per questo o sbaglio?».
«Infatti. Sono venuto per parlare di lei». Lutz annuii senza dir nulla. «Sai cosa voglio sapere vero?».
«Tu cosa senti?», mi chiese. Lo guardai. «Credi che lei possa davvero diventare la sterminatrice?».
«Mi auguro di no, ma se fossi così sicuro non sarei qui».


A proposito dell'autrice...
Mi chiamo Ilaria, sono nata il 13 maggio 1986, ad Asti, nel Piemonte, dove risiedo ancora oggi. 
Da sempre sono affascinata dal mondo dei libri. Adoro leggere libri fantasy di ogni genere, da quelli con le fate e folletti, a quelli con streghe e vampiri. Mi piace ascoltare musica che possa darmi ispirazione. Fin da quando ero bambina, ho espresso il mio desiderio di diventare una scrittrice, ma solo nel 2010 inizio a intraprendere questa strada, quando arriva l’ispirazione per scrivere la saga Love Vampire.
Mi piace scrivere, adoro tutto quello che ne fa parte. Collaboro con alcune riviste e mi diverto a scrivere racconti sempre nuovi per i concorsi. 
Racconti e poesie pubblicate:
*Lo spettro del vecchio cimitero - blog di Connie (Ottobre 2012)
*Incubo di Halloween - Scrivolare - antologia "Racconti per Halloween (Ottobre 2012)
*Appunti di un viaggio nel passato - Edizioni Il Violino - antologia "Melodia Letteraria" (Dicembre 2012)
*Il Natale perfetto - Edizioni Montecovello - antologia "Racconti per il Natale" (Dicembre 2012)
*L'ultima battaglia di Leily - antologia "I Colori dell'anima" (Dicembre 2012)
*Vero Amore - Edizioni Butterfly - antologia "Impronte d'amore" (Gennaio 2013)
*Un solo unico amore - Delos Books - antologia "365 storie d'amore" (Febbraio 2013)
*Amami sono tua - Edizioni WebMaster60 - antologia "100 poeti per l'amore" (poesia) (Febbraio 2013)
*L'amore vince e Una vera donna - EdizioniWebMaster60 - antologia "Aspettando che mi gridi una poesia" (poesie) (Marzo 2013)
*Le cose che avrei dovuto dirti e Ti scriverò una canzone – Edizioni WebMaster60 – antologia “Le cose che ho da dire” (poesie) (Aprile 2013)
*Una disastrosa giornata al McDonald – Edizioni Butterfly – antologia “Ops, che figura!” (Maggio 2013)
*La battaglia di Elros – antologia “Scrivere per leggere” (Maggio 2013)
Link



Choice and meaning #01

Eccoci al primo appuntamento della rubrica
 
Il primo ospite della nostra rubrica sarà Claudia Mauro, colei che mi ha ispirata, rendendo più solida questa mia idea.
Il libro di cui ci parlerà è "Straziami" di cui potete trovare la presentazione QUI. Per la recensione dovrete aspettare un pochino.
Prendiamo per mano l'autrice e assaporiamo insieme il significato profondo si questo romanzo...

Nei miei romanzi, solitamente il titolo si sceglie da solo, arriva in maniera autonoma esattamente come capita con certi personaggi "imprevisti". Anche per "Straziami" è stato così. Sapevo cosa volevo raccontare e sapevo che si sarebbe chiamato "Straziami" ma in un primo momento mi sfuggiva il nesso tra titolo e narrazione. E' stato man mano che i personaggi e le vicende venivano alla luce (Straziami è lavorato quasi esclusivamente su improvvisazione letteraria, senza alcuna mappa narrativa di partenza salvo un racconto piuttosto banale risalente ai miei primi esperimenti di scrittura) ho scoperto che c'è una certa relazione tra il titolo e la storia. Il nesso è il passato di Lara, la vicenda tragica che l'ha portata a compiere un atto estremo come il suicidio. L'anima di Lara è "straziata" letteralmente dal dolore, e anche dopo, quando la vita le ha fornito questa straordinaria seconda occasione, donandole addirittura la rivelazione di un mondo da tutti creduto mera fantasia, il suo dolore è capace di continuare a straziarla, ogni emozione che lei prova nell'arco narrativo è impetuosa e dilaniante, sia quelle positive che quelle negative. Essendo la narrazione affidata alla voce della stessa Lara, che quasi sembra rivolgersi al lettore come al proprio confidente e amico, svelando i recessi più nascosti della propria anima, un titolo diretto come è appunto "Straziami" era il solo possibile per questa storia.

La rosa bianca che appare in copertina può in parte essere fuorviante. L'editoria attuale ci ha abituati a identificare copertine a sfondo nero con elementi rossi e fiori o farfalle come prodotti di paranormal romance. In realtà la scelta della rosa non è indice della presenza di una storia sentimentale, quanto piuttosto un ritratto allegorico della protagonista. Lara è innocente e pura, ancora una bambina, se confrontata con l'enormità della nuova realtà che le cade addosso in tutta la sua maestosità. Del mondo segreto dei post-morti Lara non conosce niente, salvo qualche vaga superstizione infarcita di esoterismo medievale. Improvvisamente si ritroverà a dover imparare a conoscere un nuovo modo di vivere e adattarsi a nuove regole, talvolta cruente, che inevitabilmente la spingeranno a un cambiamento e a una maturazione interiore. Tracce di questa evoluzione psicologica sono ben visibili nei bordi dei petali della rosa, che sono rosacei e sembrano quasi incarnare una contaminazione dall'esterno, qualcosa che in qualche modo corrompe il candore della rosa, ma nel contempo la arricchisce di sfumature in grado di potenziarne il fascino.

mercoledì 24 luglio 2013

Introduzione alla rubrica "Choice and meaning"

Ciao a tutti followers! Una settimana fa mi è venuta l'ispirazione per una nuova rubrica che ci permetterà di scavare ancora più a fondo nei meandri oscuri degli autori.



In cosa consiste Choice and meaning?? Semplicissimo!
L'autore dovrà raccontarci due cose essenziali del suo lavoro:

1_Perchè ha scelto quel titolo per il suo romanzo? Che cosa l'ha spinto a prendere questa decisione?
In fondo, il titolo è TUTTO! E' la primissima cosa che il lettore vede e sicuramente non può essere una scelta superficiale.
2_La cover!! Altro dettaglio importantissimo, perché è lei che cattura il lettore. Come si è mosso l'autore nella scelta della copertina. Ha fatto tutto da sé, oppure ha chiesto l'aiuto di qualcuno?
E ancora: che significato ha la copertina? Cosa si cela oltre l'immagine?
Se invece ha pubblicato con una casa editrice, che ha mandato alcune proposte; cosa li ha spinti a scegliere proprio quella???

Con questa rubrica, noi lettori, avremo l'opportunità di scoprire tutto ciò! Una rubrica che racchiude molte chicche per capire più a fondo sia il romanzo stesso che l'autore.

Spero di riuscire a dare una cadenza settimanale alla rubrica, purtroppo i miei impegni (molti dei quali improvvisi) mi impediscono di assicurarvi un ritmo perfetto. Per ora lasciamo la rubrica senza nessuna scadenza.

La rubrica è aperta a tutti gli autori, anche quelli che non mi hanno ancora contattata per recensioni, presentazioni o altro.

Recensione "Powers"

Molti sono dell'idea che un romanzo per essere "apprezzato" debba avere molte pagine, escludendo a priori storie che non ne hanno tante. Fortunatamente non è così e Powers ne è la prova.
Questo è il primo volume di un'esalogia intitolata "The black rose saga"

Il romanzo in una parola? ORIGINALE.
La protagonista è Sue, una ragazza italiana, che si trasferisce con la sua famiglia a Tokio, per cercare di "trovare pace" dopo un passato non molto piacevole.
Di ciò che è successo prima di arrivare in questa nuova città non ci è dato saperlo. Sue mantiene sempre un tono vago, non rivela che pochi frammenti, ma questi sono il preludio ad un passato nero
come la notte.
Il carattere della protagonista è un po' altalenante, è dolce e sempre disponibile, ma basta poco per farla diventare fredda e distaccata.
Già dal primo giorno di scuola succede una cosa molto particolare: Fancy, la sua vicina di banco, la invita subito ad uscire insieme, proponendole di portarla in un bel posto.
Sue si fida, ma una volta arrivati in uno strano negozio che la ragazza aveva visto già la mattina, i dubbi comunciano ad insinuarsi dentro di lei.
Dopo poco la raggiungono anche altre tre ragazze, e insieme la tengono ferme finchè un'anziana signora non posa un medaglione nel cuore di Sue. Quello che succede dopo è spaventoso, ma allo stesso tempo fantastico. Sue è Black Rose, e ha il potere più grande di tutti, qual è non c'è dato saperlo...per ora. Il compito delle ragazze è trovare, grazie ai loro poteri, il Santo Graal.
Il compito però non e facile; oltre a dover studiare per trovare qualche indizio, in città succedono cose strane. Oltre a continui black out misteriosi che continuano a colpire la città di Tokio, una cosa ancora più macabra sta accadendo: qualcuno riesuma cadaveri da cimitero e per ognuno toglie una parte del corpo.
Questa è solo una delle cose che troverete in questo romanzo, ma per scoprire la verità non dovrete far altro che seguire questa saga.
Il romanzo mi è piaciuto molto, è stata una lettura breve, ma intensa. Mi ha colpito fin da subito il tono frizzante e ricco di originalità dell'autrice. I dialoghi e le parti narrate sono perfettamente contatenate fra di loro, e le descrizioni sono della lunghezza giusta. Si alternano momenti di allegria, a momenti di terrore, trascinandoti dentro la lettura.
La curiosità di scoprire ciò che accadrà è davvero molto forte! Ho voglia di scoprire Sue, capire cosa le è accaduto in passato e non solo.
Troverete un accenno di romance molto dolce, a me è davvero piaciuto moltissimo, anche perchè l'autrice non ha calcato la mano a riguardo.
L'originalità di questo romanzo è la cosa principale, ci sono molte cose nuove, molte idee intriganti che incantano il lettore in questo nuovo mondo.
Ve lo consiglio vivamente, Powers è un libro che si legge in pochissimo tempo, ma che lascia un profondo segno indelebile nei lettori.
Ecco il mio voto

domenica 21 luglio 2013

Recensione "L'ultimo respiro per la redenzione"

Ciao a tutti! E' per me una grandissima emozione poter finalmente recensire questo romanzo! Sono stata fortunata, perché l'autrice me l'ha inviato con largo, anzi larghissimo anticipo. Purtroppo in soli due giorni l'ho finito, il desiderio di veder spuntare dal nulla altre trecento pagine era davvero potente. Per fortuna con le quattro parole finali, Liliana è riuscita a risollevarmi il morale :)

Attenzione spoiler (non troppi però), sfortunatamente con certi
romanzi è impossibile non fare spoiler...

Vi ricordate com'era finito L'innocenza del peccato? Sicuramente, se lo avete amato, eravate nella mia stessa situazione: impaziente di leggere L'ultimo respiro per la redenzione!!
Il romanzo in una parola: SPIAZZANTE!
Già, spiazzante, perché tutte le idee che ti eri fatto nei primi due romanzi, le varie supposizioni (parlo per me ovviamente, sono una frana con gli enigmi e misteri vari) vengono completamente stravolte,
lasciandoti lì, a bocca aperta.
Non l'ho detto nelle recensioni precedenti, perché volevo aspettare l'ultimo capitolo per evitare ripetizioni. Questa rivisitazione del peccato originale mi ha stupita alla grande. Non è per nulla facile prendere un pezzo di Bibbia, la parte più antica, visto che tutto è iniziato da lì, e metterla in chiave urban fantasy. Solo due potevano essere i risultati: o il disastro totale, o un capolavoro. Inutile dire che Liliana ha creato un capolavoro! Il romanzo non è per nulla "finto", non ci sono forzature, nessuna esagerazione! Non pensi mai, durante la lettura, di paragonare questo romanzo con i testi Biblici, sei talmente coinvolto che non c'è altro al di fuori di te e la storia.
E' raro vedere un romanzo che scorre così... è leggero, non ti sembra nemmeno di leggere. Sei in un'altra realtà. Semplicemente.....vivi!!
Come ne "L'innocenza del peccato" il romanzo ci mostra due "fronti" quello di Evangeline e quello di Kathleen.
La prima, con Adam, sono prigionieri di Lilith, l'Edena malvagia che avevamo già conosciuto nel romanzo precedente. Kathleen invece si trova nel regno della regina Satin, con suo padre e Nimue.
E' confusa, e cerca risposte che fortunatamente non tardano ad arrivare, ma la domanda che la tormenta è "Mi posso fidare di...?". Questo clima di diffidenza ti stringe lo stomaco, anche se sei solo un lettore, anche tu a modo tuo sei prevenuto nei confronti di alcuni personaggi. A volte ti va bene, altre invece no.
Mentre nel regno fatato Kathleen impara a conoscere Mael e sopportare Nimue (che adoro) e progettano di andarsene con l'aiuto di Zefir, un ragazzo intrigante e misterioso, che da a Kathleen nuove cose a cui pensare, Evangeline e Adam non se la passano affatto bene. Lilith sta cercando una
cosa di cui solamente Eva potrebbe conoscerne l'ubicazione e per farlo non usa certamente la dolcezza, ma... Adam che c'entra in tutto questo? Vedrete. Evangeline finalmente riacquista tutti i suoi ricordi ed ora sa con esattezza chi è e che cos'ha fatto nel Giardino.
Stremati e in fin di vita, vengono salvati in extremis da Seth.
I due gruppi poi si ritroveranno a casa di Tristan, conosciuto nel primo romanzo come l'amico di Mael. Non è l'unico personaggio che incontriamo nuovamente, una persona che MAI avrei pensato di rivedere farà il suo ingresso lasciandoci piacevolmente stupiti.
Finalmente Kathleen e Evangeline si incontrano per la seconda volta. Il capitolo che lo riguarda, è un'escaletion di emozioni che non possono non commuovere. L'autrice ha alternato i punti di vista delle due protagoniste; leggevi uno sprazzo di ciò che provava Kath e poi venivi catapultato nel cuore di Eva e sentivi ciò che sentiva lei. Questo non succede una volta sola. Per intensificare la scena questo passaggio madre e figlia viene fatto più e più volte, riuscendo a farci toccare con mano questi due potenti stati d'animo: quello della madre che vede la figlia e quello della figlia che finalmente ritrova la madre.
Questo clima di pace però è destinato a durare poco, perché la rivelazione di un sogno che ha fatto Kathleen, sconvolge tutti quanti. I tasselli del puzzle stanno finalmente andando al loro posto ed è tempo di agire!
Senza aspettare oltre tutti, o quasi, si recano in un luogo che abbiamo già incontrato nel primo romanzo.
La verità verrà svelata, una verità sconvolgente.
Dolore, sacrificio, speranza, amore....sono solo pochi degli ingredienti che compongono questo romanzo. Lacrime, verranno versate tante lacrime, non solo dai personaggi, ma anche da voi. Questo romanzo è come una mano, appena inizi a leggere le prime parole ti afferra e ti trascina dentro di sé sena chiedere il permesso e tu non hai la forza di obiettare.
Questa trilogia ha lasciato un segno indelebile nel mio cuore. Spero veramente venga scoperta da qualche casa editrice che gli dia una grande visibilità, riuscendo anche a tradurla per fare in modo che non solo noi possiamo godere di questo talento.
Prima di dire il voto che voglio assegnare a questo romanzo volevo ringraziare Liliana Marchesi, non solo per avermi dato la possibilità di recensire in anteprima questo romanzo, ma per esserci SEMPRE. Quando ho bisogno tu ci sei, quando chiedo un consiglio non me lo neghi. Grazie per la pazienza che hai nei miei confronti leggendo i miei scritti nonostante i tuoi mille impegni.
Semplicemente Grazie. Sono felice di aver trovato un'amica in te.
Ecco il voto

Seguito dalla targhetta speciale che per la terza volta consecutiva fa di lui uno dei miei romanzi preferiti...

giovedì 18 luglio 2013

"Limbus" di Luana Semprini

Ciao a tutti. Sono emozionata perché finalmente potrò leggere un altro romanzo di Luana Semprini.
Questa autrice mi ha rapito il cuore, facendomi amare qualsiasi suo romanzo, e posso dirvi di averli letti proprio TUTTI (a meno che non me ne nasconda qualcuno). E' riuscita addirittura a farmi leggere qualcosa di fantascientifico, anche se questo non è propriamente un genere che prediligo. Questo suo nuovissimo romanzo che uscirà domani mi ha già stregata col suo titolo e la sue copertina semplice, ma efficace :) Anche se ormai con Luana non guardo più le cover, so che qualsiasi cosa scriva sarà sicuramente amata dalla sottoscritta.

Titolo: Limbus
Autrice: Luana Semprini
Genere: Fantasy
Casa editrice: Libro/mania
ISBN: 9788898562015
Pagine: 104
Prezzo: Ebook €1,99
 
Trama
E se avessimo davvero una seconda possibilità?
Cinque giovani si ritrovano sospesi in una dimensione parallela, prigionieri del gioco crudele di un’oscura creatura che si fa chiamare il Millantatore. Perché l’enigmatico personaggio li ha riuniti e chiede proprio a loro di combattere il suo acerrimo nemico? Possono davvero fidarsi di lui? Per scoprirlo, i cinque protagonisti dovranno intraprendere un viaggio allucinante nel proprio passato e leggere in un’altra luce le vicende che li hanno portati fin là; un viaggio che metterà a dura prova anche la fiducia reciproca. Tra vertiginose sequenze di prospettive e trame sapientemente intrecciate, la giovanissima Luana Semprini conduce i lettori in uno scenario inquietante, sempre in bilico tra il mondo reale e un aldilà mai esplorato.
 
 
L'autrice
Luana Semprini è nata nel 1989 e vive nella splendida valle del Marecchia in provincia di Rimini. È laureata in Economia dell’Impresa, ma coltiva da sempre la sua passione per la scrittura: ha completato il suo primo romanzo all’età di quattordici anni. Adora Tolkien, Dragonball e The Vampire Diaries. È autrice di numerose fan fiction, della saga fantasy Cristina di Morval e del romanzo Il lamento di Euridice.



"La sabbia delle streghe_Ynger e l'antico tomo" di Teresa di Gaetano

Ciao a tutti, da pochi giorni è uscito questo nuovo romanzo e non posso non parlarvi di lui.
Copertina: direi che è stupenda. Il contrasto fra la foresta scura, cupa, con alberi senza foglie e la ragazza che emana bellezza è luce è veramente intrigante.
Lo comprerei solo per la cover? SI'

Titolo: La sabbia delle streghe_Ynger e l'antico tomo
Autrice: Teresa di Gaetano
Genere: Fantasy per ragazzi
Pagine: 203
Prezzo: Ebook €2,69
Link amazon: Ebook
 
Trama
Yinger è una maga dueng, un scuola di magia molto particolare. Non può svelare a nessuno il suo segreto, tranne alle persone con le sue stesse capacità. La pena se trasgredisce sarebbe la perdita dei suoi poteri.
La rivelazione di chi lei sia realmente e delle regole a cui deve sottostare, le sarà fatta dalla nonna, in punto di morte. Ma questo non sarà l’unico segreto che le verrà svelato, infatti Yinger conoscerà qual è il suo destino: portare il leggendario Antico Tomo ad Akyab per salvare la città.
Riuscirà la ragazza a portare a compimento la sua missione o il temibile Zhoseng glielo impedirà? Scopritelo in questo avvincente romanzo fantasy dal chiaro sapore genuino, dove magia, mistero e amore si intrecciano per dar vita ad un’avventura emozionante.
Consigliato agli adolescenti e a quegli adulti che amano le storie fantasy per ragazzi.
 
Citazione
Dirle tutta la verità, dirle tutta la verità, dirle tutta la verità, urlò una voce dentro di lui.
«Io ti amo, Yinger!» e l’abbracciò senza esitazione.
Lei si ritrovò tra le sue braccia, ma non ricambiò il suo gesto. Una lacrima le scese lenta sulla guancia e si nascose sotto il mento.
«Non l’hai capito? Non posso vivere senza di te. Senza la tua presenza accanto alla mia! Perché dovrebbe sorgere il sole in cielo, o esserci la luna se tu non ci sei? Cosa contano per me le nuvole che oscurano una bella mattina primaverile di sole se tu non sei con me? Nulla è degno di essere vissuto, nemmeno la mia vita, se tu non sei al mio fianco!» continuò imperterrito il ragazzo.
 
Link


martedì 16 luglio 2013

Giveaway per l'ultimo capitolo della trilogia del peccato + capitolo extra

Correte tutti QUI e non perdetevi questo concorso stupendo dedicato all'Ultimo respiro per la redenzione.
Solo partecipando avrete la fortuna di ricevere il capitolo inedito dedicato a Seth... Un personaggio davvero meraviglioso!!!
Sbrigatevi e non perdete altro tempo!!!

Recensione "Sulle ali di un angelo"

Ieri ho concluso il penultimo libro di questa quadrilogia.
Mi è piaciuto? Sì...Come gli altri? No.
No perchè appena ho scoperto che Nora aveva perso la memoria ho detto "E basta! Fateli stare insieme sti due!"
Sembra quasi che si cerchino mille motivazioni possibili per farli separare, ci sta la gelosia, ma adesso pure la perdita di memoria? Ho pensato immediatamente "E nel quarto cosa v'inventerete?" sono riusciti a trovare un'altra difficoltà, e ora che l'ho iniziato sono curiosa di sapere come si risolverà.
Ora io non voglio criticare nulla, per carità, il libro mi è piaciuto moltissimo, ma sembra quasi una 
forzatura tenerli separati.
Quindi dopo questo mio sfogo (forse dovuto più al fatto che fin dal primo capitolo del primo romanzo ho voluto Patch e Nora insieme e quindi ogni stramaledetto imprevisto mi fa impazzire) partiamo a parlare del romanzo.
Nora, come appunto ho già detto, perde la memoria. Gli ultimi cinque mesi della sua vita (di cui 3 li ha passati non si sa dove, perchè è stata rapita) sono per lei buio totale. La cosa crea sollievo a certe persone, che ne approfittano per raccontare a Nora ciò che fa loro comodo, mentre lei sente prepotentemente questa voragine.
Cerca disperatamente di ricordare, ma qualcosa la fa sempre deviare, come se ci fosse un muro che le impedisce di cercare fra le sue memorie.
Le mie speranze nella precedente recensione sono state esaudite: incontreremo nuovamente Scott, lo conosceremo meglio. A me è piaciuto molto il suo personaggio, sebbene in angeli nell'ombra non mi covincesse particolarmente.
Altra new entry di questo terzo capitolo è Hank Millar, padre di Marcie (nemica giurata di Nora) e parte anche di Nora. Nephilim, ma non è uno come gli altri, bensì.....
Hank avrà un ruolo fondamentale in questo romanzo, sarà presente per la maggior parte del tempo. Come si può intuire non fa certo parte del clan dei "buoni", tutt'altro.
La madre di Nora e lui cominceranno a frequentarsi alla luce del sole. Per Nora è scioccante, per Patch è un motivo valido per far sapere la verità di ciò che è successo alla ragazza.
Ma non sarà così semplice all'inizio, Patch è intenzionato a mantenere le distanze da Nora, secondo lui il fatto che lei non si ricordi di lui (ovviamente una cosa voluta) non può che essere un bene.
Le carte in tavola si mescolano e si rimescolano, gli imprevisti sono sempre dietro l'angolo, incidenti e rapimenti sembrano essere all'ordine del giorno.
Quando si scoprirà tutta la verità, potrebbe essere troppo tardi.
Sceltre difficili devo essere prese, e non c'è tempo per escogitare un piano di riserva.
Un grandissimo cambiamento sconvolgerà molti personaggi.
Giuramenti di sangue dettati dall'amore e dalla sete di potere.
Una guerra si avvicina inesorabilmente...e nulla è capace di fermarla...o forse c'è una speranza.
Queste sono alcune cose che troverete leggendo questo romanzo.
Aspetto con trepidazione di finire (a malincuore) l'ultimo capitolo, sperando veramente in un Happy Ending fra questi due protagonisti che amo da impazzire.
Purtroppo questo romanzo non riceverà la targhetta speciale che fa di lui uno dei miei libri preferiti, comunque merita il voto più alto che c'è. E' entrato sicuramente nel mio cuore, e lì rimarrà per sempre, ma purtroppo non l'ha fatto battere come gli altri.

lunedì 15 luglio 2013

"L'era dei draghi_Le rune di Zumaran" di Gaetano Castiglione

Ciao a tutti, ecco un nuovo romanzo epic fantasy che voglio presentarvi.
Copertina: il nero predomna, non solo come sfondo, ma anche come colore del drago raffigurato, potrebbe appesantire, ma la scia di luce centrale rende tutto più leggero e molto molto bello. Una cover perfetta per un epic fantasy.

Titolo: L'era dei draghi_Le rune di Zumaran
Autore: Gaetano Castiglione
Editore: Montecovello
Genere: Fantasy
Pagine: 282
Prezzo: Cartaceo €16,00 Ebook €8,00
Dove acquistarlo: Montecovello

Al momento non è disponibile, causa ristampa. A breve novità. 

Trama
Sono gioiosi tempi quelli in cui cresce il giovane Tanomir, nativo di Lithiun. Un’eterna pace sembra riecheggiare nelle vaste terre di Hytudras, tra le contee delle cinque razze che popolano la verdeggiante regione. Tutto cambia quando Tanomir, affiancato da validi compagni, si ritrova scaraventato in un mondo completamente diverso da quello in cui aveva sempre pensato di vivere. Un’antica minaccia solcherà le terre della Sacra Alleanza, una minaccia che risveglierà l’ombra assopita per anni tra il freddo delle montagne del nord. Toccherà agli Ammazza-Draghi, compagnia di cui Tanomir ne sarà capitano, di ricondurre il male insorto nei meandri della terra. Tra amore ed odio, tra tradimenti e battaglie, una nuova guerra sta per giungere sull’immacolato territorio di Hytudras. Una guerra, che cambierà per sempre il destino del pianeta.

Link
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100006301542010&ref=ts&fref=ts#!/LEraDeiDraghiLeRuneDiZumaran?fref=ts



Sovracopertina Inedita di ISURGENT

Se qualcuno di voi avesse acquistato Isurgent e volesse ricevere a casa la sovracopertina originale non deve far altro che richiederla scrivendo qui: ya@deagostini.it

LE COPIE SONO IN NUMERO LIMITATO!!!

venerdì 12 luglio 2013

Recensione La leggenda dei prescelti

Ho concluso questo libro, che purtroppo non ha suscitato in me le emozioni che mi aspettavo, ma come si dice sempre: il mondo è bello perchè è vario, un libro potrebbe essere eccezionale per una persona e disastroso per un'altra.
Come in tutti i fantasy abbiamo un cattivo, in questo caso il nostro cattivo ha un fratello e una sorella, quindi la difficoltà si fa maggiore. Il destino farà incontrare quattro creature diverse fra di loro, in un modo non proprio piacevolissimo, infatti in questo romanzo, il fattore "morte" è sempre e 
costantemente presente. Nessa l'elfa, Victoria l'elfa oscura, Jarian un mago e Thorium un nano sono i quattro prescelti che hanno il compito di ricongiungere un'elsa alla sua lama formando così la spada della luce, l'unica arma che è in grado di distruggere i tre potenti tiranni. Inizialmente non sanno qual è il loro destino, sarà proprio Darryn (il signore del chaos, nonchè uno dei tre fratelli) a svelare loro la loro natura di prescelti. Durante questo viaggio incontreranno moltissimi nuovi personaggi, alcuni dei quali si aggiungeranno alla comitiva per aiutarli, molti moriranno. Ovviamente non verrà spiegata ogni cosa in questo libro, dovremo attendere il seguito.

Mentre leggevo ho scritto un po' di appunti per evitare di dimenticarmi le mie impressioni una volta finito il romanzo, a parte qualche ripetizione e qualche errore che si possono velocemente correggere ho notato che:
- Ci sono moltissime vicende che iniziano e si concludono in breve tempo, forse troppo breve. I personaggi non sono approfonditi moltissimo, non riusciamo a coglierne che pochissime sfacettature, e così facendo si rischia di non far familiarizzare il lettore con essi, mi dispiace perchè sono sicura che le personalità di tutti siano molto interessanti e particolari, soprattutto quella di Victoria.
- C'è un eccessivo uso dei triangolini che dividono il brano. A volte vengono usati per passare da un personaggio all'altro, altre volte invece vengono usati per cambiare situazione ad esempio il classico racconto del sogno. Questo crea un po' di confusione.
- Una lieve nota di incoerenza su alcuni punti. Mi spiego meglio. Ad un certo punto nel romanzo i personaggi devo per forza di cose imbattersi in una Viverna, un terribile drago. Quando la sentono nominare sono tutti terrorizzati, sono certi di non sopravvivere, perchè nessuno è riuscito mai ad ucciderla. Poi una volta che si scontrano con lei basta un incantesimo a farla morire. Mi sembra troppo esagerato, se invece la Viverna fosse stata ferita o semplicemente bloccata il tempo necessario pr far evadere i personaggi dalla montagna avrebbe avuto forse più senso, visto il terrore che provocava a tutti. Lo stesso discorso vale con gli elfi oscuri, con i serpenti e con Ayra, li si descrive come creature impossibili da uccidere ecc. e poi loro riescono in poco tempo ad eliminarne senza rimanere feriti (tranne con l'ultima).
- La "semplicità" di superare un lutto. A Nessa (una dei prescelti) è morta una persona tanto cara, ma non si parla più di tanto del dolore, così come con la seconda morte che la coinvolge. Ho provato ad immedesimarmi in lei e non avrei assolutamente avuto la forza di fare come lei. Capisco però che la situazione in cui si trovavano non permetteva molto stare lì a disperarsi, però ho notato che non di parla molto di quello che prova lei.

Concludo dicendo che l'idea di base e la storia di per sè sono interessanti, e se approfondite un po' di più porteranno ad un romanzo molto bello. Spero che nel seguito si riesca a conoscere meglio i nostri protagonisti, magari facendo conoscere anche qulcosa del loro passato. Sicuramente non mi fermo qui, nel senso che leggerò sicuramente il seguito, sperando di cambiare idea.

Ecco il mio voto


"Red Carpet" di Giorgia Penzo

Altro romanzo interessante che è finito nella mia lista di libri da recensire.
Cover: semplice, ma d'impatto! Questa rosa bianca, candida macchiata di sangue su un tappeto rosso. Il tutto sullo sfondo di quello che sembra essere un palazzo o villa dell'800. Intrigante, non vedo l'ora di scoprire cosa racchiude.

Titolo: Red Carpet
Autrice: Giorgia Penzo
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 307
Prezzo: Cartaceo €16,90 Ebook €2,49
Editore: GDS
Collana: Aktoris
Uscita: 10 luglio formato ebook, 30 luglio cartaceo (prenotalo QUI)
Link GDS per l'acquisto: Ebook
 
Trama
In un presente alternativo, il vampirismo non è più un morbo da debellare ma una risorsa sulla quale investire. Lo sa bene Elizabeth “Lise” Scott, giovane e arrivista responsabile delle negoziazioni alla Immortality Awaits Corporation, l’unica società al mondo in grado di rendere reale il più grande sogno dell’uomo: vivere per sempre.
Elizabeth è un brillante avvocato specializzato nella difesa dei vampiri e il legale personale del presidente dell’Immortality Awaits, Ryan J. Constant, uno dei pochissimi pluricentenari in grado di trasmettere il virus dell’immortalità attraverso il proprio sangue.
L’arrivo di Adam Reese, arrogante immortale del Vecchio Mondo con un conto in sospeso con il passato, costringerà Elizabeth ad affrontare la sfida più importante della sua carriera. Obbligata dalle circostanze e dal suo orgoglio, si ritroverà al cospetto di un misterioso tribunale segreto – la Corte di Erebo – in un processo che affonda le sue radici ai tempi della Rivoluzione francese.



Booktrailer
 
Link

"L'ultimo Khama" di Stefano Andrea Noventa

Ecco un'anteprima della casa editrice Plesio, che ringrazio per avermi contattata.
Che dire della copertina di questo romanzo? E' molto particolare, ha un fascino antico. Mi intriga molto.

Titolo: L'ultimo Khama
Autore: Stefano Andrea Noventa
Genere: fantasy-scifi
Casa Editrice: Plasio Editore
Collana: Aurendor
Pagine: 210
Prezzo: Cartaceo €10,00
Dal 15 luglio
 
Trama
Le sorti dell’esistenza vacillano. I confini della realtà si sgretolano. Sulle spalle di Miya il fardello di condurre il rituale che conferirebbe stabilità al mondo. Tra dubbi e tradimenti, fuggendo all’ira di colui che un tempo ha amato e accompagnata da una sorella forse burattino in mano ad altri esseri, la giovane dovrà riuscire a sigillare quello che viene profetizzato come il Khama definitivo. Nella speranza che i suoi dèi non siano macchine di un tempo antico. 
 
L'autore
Padovano, classe ‘80. Laureato in Fisica e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive. Appassionato di letteratura, finalista al premio Odissea con la prima versione di “L’ultimo Khama”. Ha vinto o ha raggiunto il podio in diversi concorsi quali il Trofeo RiLL, il Sentiero dei Draghi, il Premio WMI e il Rondò Veneziano di Edizioni XII. È tra i curatori della selezione letteraria Storie di Confine per la rivista Terre di Confine. Dal 2013 editor per Mezzotints ebook.