mercoledì 27 marzo 2013

Recensione Chaos

E anche questa volta ho terminato il libro con le lacrime agli occhi, sembra impossibile eppure è così. Lauren Oliver riesce a sconvolgerti l'anima.
Con Delirium è stato quasi amore a prima vista, inizialmente non ero convintissima, poi invece mi ha presa in un modo che nemmeno io credevo possibile.
Se non hai letto Delirium PUSSA VIA :)  
Delirium ci aveva lasciato con la straziante morte di Alex, il ragazzo che era riuscito a "scollare" Lena dalla sua realtà fatta di regole regole e regole.
Lena corre, è impaurita, straziata dal dolore, senza forze. Si trova da sola ad affrontare un nuovo mondo che da sempre le era stato descritto come Le terre selvagge, piene di Invalidi, gente infetta dal delirium, gente che, secondo i suoi insegnamenti, non portava nulla di buono.
Viene salvata da Raven, capo di un gruppo di invalidi. Qui Lena guarisce e comincia un percorso e diventerà a tutti gli effetti un membro della resistenza. Non è per niente facile, dovrà combattere contro molte cose, ma soprattutto dovrà combattere contro la vecchia Lena, è un periodo nel quale la vediamo crescere e diventare una donna.
Il libro ha capitoli alterni, c'è il PRIMA e c'è l'ADESSO. Nel prima vediamo appunto il cambiamento di Lena, da quando è stata ritrovata a quando le viene affidata la prima missione.
Nella parte "adesso" Lena è in missione, vive la sua vita fingendo di essere una curata. Durante una manifestazione c'è un attacco imprevisto e lei e il figlio del fondatore dell'ALD (America libera dal Delirium) vengono rapiti. Il ragazzo ha la stessa età di Lena, ma leggendone gli scambi di battute si nota tantissimo la differenza fra i due. Julian sembra un bambino, Lena un'adulta. E mi ha ricordato tantissimo che in Delirium Lena era esattamente una bambina che credeva fermmente nelle idee imposte dalla socetà ed Alex un uomo che tentava di aprirle gli occhi.
E come è successo nel primo libro anche Julian, prima diffidente e distaccato nei confronti di Lena (perchè scopre chi è) alla fine di quest'avventura incredibile, si rende conto che tutto quello che ha creduto è una menzogna.
La parte della fuga dalla loro "cella" è stata anche per me straziante, sappiamo bene come Lauren sia bravissima a scrivere ogni minima emozione e a far provare le stesse cose a chi legge.
Ma la nostra autrice non fa mai le cose facili, e proprio quando Julian decide di seguire Lena, vengono rapiti un'altra volta: per lei sarà la salvezza per lui potrebbe essere la fine. Infatti Julian dovrà subire la pena di morte.
Con una fatica immensa Lena riuscirà a raggiungerlo, e con l'aiuto inaspettato di Raven e Tack (un altro invalido) riusciranno a salvarlo.
Dalla prima all'ultima pagina un nome è costantemente presente, Alex.
Lena ormai è rassegnata dalla sua morte, e crede di amare Julian. Ma alla fine del libro, quando nessuno mai si aspettava altri colpi di scena ecco che ti ritrovi a leggere questa frase...

Impossible. I close my eyes and reopen them: the boy from a dream, from a different lifetime. A boy brought back from the dead
Alex.
Non aggiungerei altro se non il mio voto, riconfermando che questa saga è in assoluto la mia preferita!!!!


2 commenti:

  1. Complimenti per la recensione! Il libro sembra molto interessante. Io non ho letto Delirium ma non sono scappata :D . Questa serie non mi ha mai convinta, ho tenuto spesso in mano il libro e l'ho lasciato andare. Chissà forse ora potrei avvicinarmi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-) so che potrebbe non convincere, nemmeno io all'inizio ero sicura. Ma credimi ne vale la pena...

      Elimina