domenica 3 marzo 2013

Intervista a Rossana Roxie Lozzio

Oggi ho il piacere di ospitare nel mio blog una donna e scrittrice fantastica "Rossella Roxie Lozzio"
Prossimamente avrò il piacere di leggere e recensire uno dei suoi molti libri.
Per ora :)


1)Ciao Rossana, sono davvero felice di poterti ospitare nel mio blog. Ti va di parlarci un po' di te?
Ciao, Miriam e grazie a te per l'ospitalità!
Sono una scrittrice emergente, sono nata e vivo a Verbania, gli amici mi chiamano Roxie e posso riassumermi con poche parole, definendomi una donna complicata ma che crede fortemente nei sentimenti e che, soprattutto, si pregia di provare ad essere una buona persona, sia nel lavoro che nella vita privata!
2)A che età hai cominciato ad appassionarti alla scrittura?
Scrivo da sempre e da sempre, ho amato molto farlo, è una passione che credo di avere ereditato da mio padre, giornalista pubblicista auto didatta. Un'eredità per cui gli sono veramente molto grata!
3)Hai scritto veramente molti romanzi, mettendo un attimo a confronto il primo e l'ultimo che differenze noti? Com'è cambiato il tuo modo di scrivere?
Penso che in ogni romanzo, a distanza anche di poco tempo, ci siano delle differenze. Forse, perché, oltre a modificarsi nello stile di scrittura e a cambiare storie, argomenti e personaggi, cambiamo anche noi che li scriviamo. Si cresce o per lo meno, ci si prova!
"Fino alla fine", il primo romanzo pubblicato nel 2005 e "Una favola per Asia", l'ultimo nato, non si assomigliano per niente, secondo me. Sono due storie molto diverse, anche se, ad accomunarle ma questo vale per tutti i miei romanzi, restano sovrani incontrastati i sentimenti.
4)Fra tutti i tuoi libri qual è quello a cui sei più legata?
Spesso mi chiedo come si possa scegliere fra le proprie creature letterarie... io le considero come figli e un genitore non dovrebbe mai avere delle preferenze! Peccato poi che da buoni esseri umani, si finisce per averne lo stesso e allora, dovendo proprio operare una scelta, opterei per "Fino alla fine". Forse, perché è il primogenito o forse perchè Amber Rose, il personaggio femminile protagonista della storia, mi assomiglia moltissimo!
5)Qual è il personaggio che preferisci fra quelli nei tuoi romanzi e quale invece in generale?
Credo sia proprio Amber Rose Hamill, una ragazza molto sola e che per amore, affronta la vita con coraggio, coltivando un sogno, apparentemente destinato a rimanere tale, senza smettere di mantenere i piedi per terra... fino alla fine!
In generale, invece, mi viene subito in mente Josephine (detta Jo) March, una delle quattro sorelle di "Piccole donne", fra i miei romanzi preferiti da sempre. Sarà perché sogna di diventare una scrittrice e lavora tantissimo, per realizzare questa grande ambizione? Fai clic!
6)Hai nuovi progetti in cantiere? Se si che ci puoi svelare a riguardo?
Ora sto promuovendo gli ultimi due nati... "Un pubblico di stelle... sorride" (Runa Editrice) e "Una favola per Asia" (Edizioni Miele) ma intorno alla fine dell'estate, pubblicherò il mio nono romanzo, (il secondo con Edizioni Il Ciliegio) e inoltre, collaboro attivamente con una rivista bimestrale di promozione della scrittura, "Espressione Libri" e gestisco diversi gruppi e pagine su Facebook, venite a cercarmi!
7)Parliamo un po' di te. Come ho letto nella tua biografia sei una donna impegnatissima. Come riesci a dare lo giusto spazio a tutto ciò che fai?
Con un pò di difficoltà ma con grande piacere! Non sempre riesco a dare lo spazio giusto ad ogni cosa che faccio ma cerco di portare a termine ogni passo intrapreso, per rispetto nei miei confronti e nei confronti di coloro che mi seguono o mi affidano un compito.
8)Quali sono i generi letterari che ti appassionano di più? Oltre alla narrativa sentimantale che a quanto ho capito è diventata il tuo pane quotidiano :)
Non ho un genere prediletto, sono sincera... come per la musica (che se è buona, si ascolta volentieri, indipendentemente da chi la esegue o la interpreta...) leggo tutto quanto mi appassiona e spesso, mi sorprendo a terminare di leggere un libro che non avrei mai nemmeno pensato di poter prendere in considerazione! Unico genere, ahimé, con il quale non riesco proprio a legare è il fantasy. Non me ne vogliano coloro che lo scrivono e lo leggono!
9)Che libro hai in questo momento nel tuo comodino?
Ne ho due, "Impronte d'amore" (Butterfly Edizioni) antologia di racconti d'amore nella quale ho avuto il piacere di essere fra gli autori selezionati con il mio racconto "Non so dirti di no" e "Io sono Dio" di Giorgio Faletti. Non riesco a leggerli... ultimamente, ho molto da fare e soprattutto, qualche disturbo legato alla cervicale che mi deconcentra con facilità.
10)Domanda di Brully: una citazione che per te significa molto
"Mai dire mai"... l'ho imparato qualche anno fa e ne ho fatto quasi una bandiera (anche se a volte, è difficile credere che sia possibile)!
11)Siamo giunti alla fine, ma spero veramente di cuore di poterti ospitare ancora nel mio blog. Ti auguro un grande in bocca al lupo, un bacione.
Lo spero anch'io e in bocca al lupo a te e ai tuoi lettori, affinché i vostri sogni possano realizzarsi!

Nessun commento:

Posta un commento